E’ stato inviato al Garante della Privacy il regolamento sulle impronte digitali per la verifica degli accessi al lavoro dei dipendenti pubblici e la prevenzione dell’assenteismo. Il garante invierà poi  il regolamento alla Conferenza Unificata del Consiglio di Stato per i relativi pareri, mentre per l’istituzione del Nucleo per la Concretezza si dovrà attendere settembre. Nel giorno in cui a Molfetta sono stati arrestati 12 presunti “furbetti del cartellino“, la ministra della Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno si dice soddisfatta della legge e aggiunge: “E’ finita l’epoca delle truffe”.

Il regolamento e il Nucleo per la concretezza hanno lo scopo di guidare i vari enti in questo miglioramento delle prestazioni, con l’avvio per esempio un’informatizzazione delle procedure e una velocizzazione dei concorsi pubblici, ma anche l’introduzione di controlli più efficaci sulle presenze, al fine di evitare il fenomeno dei cosiddetti “furbetti del cartellino”.

Oltre alla videosorveglianza si parla di controlli biometrici, come il riconoscimento dell’impronta digitale o la verifica dell’iride. Nelle ultime ore è stato avviato quindi l’iter per l’introduzione dei controlli sulle impronte. La ministra Bongiorno si dice “felice di una legge che prevede la drastica riduzione dei tempi delle procedure concorsuali, nuove risorse in settori strategici della Pa, aiuti alle amministrazioni in affanno e un metodo di lotta contro l’assenteismo finalmente incisivo: fino ad oggi, di fatto, la facevano franca in troppi; adesso, con le impronte digitali e la videosorveglianza, preveniamo il fenomeno”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, Alemanno: “Emergenza rifiuti? Mi duole dirlo ma M5s ha totalmente ragione. La responsabilità è della Regione”

prev
Articolo Successivo

Vitalizi, Cassazione dichiara inammissibile ricorso di ex parlamentare contro tagli. Di Maio: “Via 280 milioni di privilegi”

next