Negli uffici comunali, da mesi, lavora la commissione d’accesso per comprendere se sussistono gli elementi per lo scioglimento per infiltrazioni mafiose. Nel frattempo, il prefetto di Foggia, Raffaele Grassi, ha firmato un’interdittiva antimafia nei confronti della società Mondoservice, che per conto del Comune di Cerignola si occupa del verde pubblico.

Ma la reazione del sindaco Franco Metta è stata feroce: “Dovete continuare a lavorare, dove siete arrivati voi i parchi sono diventati puliti – ha detto ai lavoratori della ditta nel corso di un faccia a faccia – È una scommessa che dobbiamo vincere, la devono finire di rompere i coglionidi dire che siamo mafiosi. Noi siamo persone per bene, e pure qualcuno di voi, che ha avuto qualche problema con la giustizia, poi ha dimostrato che nel momento in cui tiene un lavoro l’ha saputo svolgere bene, onestamente e non ha rotto i coglioni a nessuno”.

Il video dello sfogo è stato caricato sulla pagina Facebook istituzionale del sindaco. “A noi ci devono ammirare – ha poi proseguito Metta dopo gli applausi dei presenti – Anche di fronte a qualche provocazione il vostro comportamento dev’essere il più corretto, educato e responsabile possibile”. Cerignola è tra i paesi considerati centrali nella geografia mafiosa foggiana, essendo la ‘base’ del clan Piarulli-Ferraro, con testa da anni nel Milanese. E la malavita cerignolana è il terrore delle società di portavalori: a quasi tutti i colpi milionari messi a segno contro blindati o caveau in tutta Italia partecipano bande di cerignolani in assetto paramilitare

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Padellaro e “Il gesto di Almirante e Berlinguer”: “Nostra classe politica recuperi senso dello Stato e del bene comune”

prev
Articolo Successivo

Animalisti interrompono Salvini sul palco della Coldiretti: “Giù le mani dagli orsi”. Ministro: “Serve buon senso”

next