“Il rispetto non è una formalità. È una parola piena di sginificato quando, come in questo caso, due avversari decidono di parlarsi perché sentono che c’è un bene superiore, un bene comune, che è l’interesse nazionale. E in nome dell’interesse nazionale si può anche stringere la mano al nemico. Questa è la grande lezione che ho cercato di raccontare in questo libro”. Lo ha detto Antonio Padellaro, presentando il suo ultimo libro, Il gesto di Almirante e Berlinguer (edito da Paperfirst), al festival Libro Possibile di Polignano. Dialogando con la giornalista Francesca Fagnani, Padellaro ha rievocato il passato collegandolo al presente: “Mi auguro che questo senso dello Stato e del bene comune sia recuperato dalla classe politica che abbiamo. In questo modo, il nostro Paese riacquisterebbe l’ottimismo che ha perso e che è fondamentale per la nostra democrazia”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Salvini: “Libia porto sicuro? Non in questo momento. Stiamo lavorando perché situazione torni tranquilla”

next
Articolo Successivo

Cerignola, interdittiva antimafia a ditta che lavora in Comune Il sindaco: “Basta rompere i coglioni, non siamo mafiosi”

next