“Il rispetto non è una formalità. È una parola piena di sginificato quando, come in questo caso, due avversari decidono di parlarsi perché sentono che c’è un bene superiore, un bene comune, che è l’interesse nazionale. E in nome dell’interesse nazionale si può anche stringere la mano al nemico. Questa è la grande lezione che ho cercato di raccontare in questo libro”. Lo ha detto Antonio Padellaro, presentando il suo ultimo libro, Il gesto di Almirante e Berlinguer (edito da Paperfirst), al festival Libro Possibile di Polignano. Dialogando con la giornalista Francesca Fagnani, Padellaro ha rievocato il passato collegandolo al presente: “Mi auguro che questo senso dello Stato e del bene comune sia recuperato dalla classe politica che abbiamo. In questo modo, il nostro Paese riacquisterebbe l’ottimismo che ha perso e che è fondamentale per la nostra democrazia”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Salvini: “Libia porto sicuro? Non in questo momento. Stiamo lavorando perché situazione torni tranquilla”

next
Articolo Successivo

Cerignola, interdittiva antimafia a ditta che lavora in Comune Il sindaco: “Basta rompere i coglioni, non siamo mafiosi”

next