L’Italia “non è un Paese indegno”, ma il comportamento del vicepremier e ministro dell’Interno italiano, Matteo Salvini, sulla questione dei migranti “non è accettabile”. Nel giorno in cui è attesa la scarcerazione della capitana della Sea Watch Carola Rackete, la Francia attacca l’Italia: la portavoce del governo francese, Sibeth Ndiyaye, intervistata questa mattina da BFM-TV sul caso Sea-Watch, ha detto che Roma non è stata “all’altezza” sull’accoglienza dei migranti. A lei ha replicato poco dopo il vicepremier del Carroccio: “Il mio comportamento sull’immigrazione è inaccettabile? Il governo francese la smetta di insultare e apra i suoi porti, gli italiani hanno già accolto (e speso) anche troppo. Prossimi barconi? Destinazione Marsiglia“.

Per la portavoce del governo francese Ndiaye, “il governo italiano non è effettivamente all’altezza di ciò che dovrebbe essere”, rifiutando tuttavia l’aggettivo “indegno”, suggeritole dall’intervistatore. “Bisogna essere rispettosi dei nostri partner e delle autorità italiane perché l’Italia è un grande Paese in Europa, ha una storia comune con la nostra”, ha tenuto a puntualizzare Sibeth Ndiaye, aggiungendo: “Considero che l’Italia non sia un Paese indegno ma il comportamento del signor Matteo Salvini non è accettabile, dal mio punto di vista, sulle questioni migratorie”. Per lei, Salvini è “in una situazione che consiste a gonfiare una tema doloroso, complesso e per cui l’Unione europea e la Francia sono stati solidali nei confronti dell’Italia“. Ndiaye ha anche detto che non chiede la liberazione di Rackete: “E’ evidente che si debba rispettare la giustizia di un Paese sovrano. E’ la cosa che pretenderei per la Francia da parte di qualsiasi altro Paese ed è quello che facciamo in ogni circostanza”. E sul ruolo delle ong ha espresso cautela: “Non credo che ci siano le ong che deliberatamente, scientemente, decidono di andare a farsi complici dei passeurs, ma abbiamo circostanze in cui la loro presenza può essere utilizzata” come “punto d’appoggio” ai trafficanti. E ha quindi invitato le organizzazioni ad “agire con cautela“, in particolare, nel modo “in cui agiscono nel Mediterraneo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Piacenza, sindaca Barbieri (FdI) in lacrime dopo arresto di Caruso per ‘ndrangheta: “Un coltello infilato nel cuore”

next
Articolo Successivo

Alcune Regioni risparmiano il 67% sui farmaci, perché?!? L’ho chiesto alla ministra Grillo

next