Una busta con la scritta “The end” e della polvere bianca è stata inviata al sindaco di Treviso Mario Conte. A trovare la busta, arrivata a Ca’ Sugana,  sede del Comune, sono stati alcuni dipendenti comunali: per i sette che sono entranti in contatto con la polvere è stata avviata la profilassi con i controlli in ospedale. Inizialmente si era ipotizzata anche la presenza di antrace, circostanza poi esclusa dai primi accertamenti. Sul posto sono intervenuti subito i Vigili del Fuoco di Treviso e del nucleo Nbcr di Mestre e i Carabinieri di Treviso che ora indagano sulla vicenda. “Ciò che posso dire in questo momento è che questi atti intimidatori non mi fanno paura!”, ha scritto Conte sul suo profilo Facebook.

In diversi hanno espresso solidarietà al sindaco leghista, a partire dal ministro per la Famiglia Lorenzo Fontana e il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, che ha commentato così le minacce: “Attentati a sedi di partito, minacce di morte reiterate sui muri, adesso anche la polvere bianca che richiama minacciosamente l’antrace. Tira una brutta aria per la libertà e la democrazia. È un atto di criminalità, e come tale va trattato, senza che si ceda alla tentazione di derubricarlo a bravata o scherzo di cattivo gusto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pedofilia, chiesti 5 milioni di danni alla diocesi di Savona. “L’omissività dei vescovi ha permesso gli abusi su minori”

prev
Articolo Successivo

Tav, la richiesta dell’Ue a Italia e Francia: chiarimenti sul progetto entro fine luglio

next