Negli ultimi giorni Alessandro Di Battista, dopo l’annuncio di una ricandidatura in caso di elezioni anticipate, è tornato al centro della scena mediatica. Domenica 23 giugno l’ex deputato del Movimento 5 Stelle è stato ospite di Lucia Annuziata a In mezz’ora in più, in onda su Rai3 (per presentare “Politicamente scorretto”, edito da Paper First), protagonista di un episodio piuttosto particolare che non è passato inosservato. Dibba, come lo chiamano in molti, ha indossato una giacca e una camicia presa in prestito dal reparto costumi della tv pubblica.

“Questi vestiti sono della Rai, se me li portassi via sarebbe pure danno erariale”, ha scherzato il rappresentante dei pentastellati spiegando le ragioni del look made in Rai, tutta colpa di un ritardo dell’aereo. La padrona di casa gli chiede se avesse sentito il collega di partito Luigi Di Maio che aveva risposto con tono piccato ad alcune sue affermazioni, Di Battista glissa tornando sul caso vestiti: “Non l’ho ancora chiamato, sono pure arrivato in ritardo qua. C’è stato un problema di aereo, ho corso, manco sono riuscito a cambiarmi. Mi avete dato la camicia voi. Questa è la verità, non ho fatto in tempo a cambiarmi”.

“Lo chiamo, ci vediamo ma non dobbiamo rendere la cosa pubblica”, ha aggiunto subito dopo. Tra gli argomenti caldi e i botta e risposta con la Annunziata, i telespettatori più attenti si sono soffermati su un oggetto che Di Battista ha tenuto tra le mani per l’intera chiacchierata. Probabilmente uno spray per le allergie, usato quasi come antistress. La puntata in questione ha ottenuto buoni ascolti, è stata vista da 1.017.000 telespettatori con l’8,15% di share.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Perché scriviamo ai detenuti? Parla la ex moglie di Vallanzasca: “Solai pieni di biancheria intima”, la puntata su Sky Atlantic

prev
Articolo Successivo

Giovanni Ciacci dopo l’addio a Detto Fatto: “Potrei lavorare anche dal McDonald’s, ma la corona non cadrà dalla mia testa”

next