L’Italia del calcio femminile perde l’ultima sfida del girone di qualificazione ai Mondiali di Francia, ma si qualifica agli ottavi di finale da prima classificata. Le azzurre sono state sconfitte 1-0 dal Brasile per effetto di un rigore trasformato dalla goleadora Marta, la numero 10 verdeoro, che ha trasformato – col mancino, a incrociare, spiazzando la portiera italiana Giuliani – un penalty concesso con parecchia generosità dall’arbitra messicana Lucila Venegas Montes per un contatto spalla a spalla tra Linari e Debinha. L’Italia aveva tenuto molto bene in campo per tutta la partita, collezionando anche le migliori occasioni della gara. Nello stesso girone l’Australia ha battuto la Giamaica per 4-1. Italia, Brasile e Australia così chiudono il girone a 6 punti, ma per la differenza reti le azzurre mantengono il primato nel gironcino.

Ora servirà aspettare le partite dei gruppi D, E e F per capire chi sarà l’avversaria dell’Italia agli ottavi. La Nazionale della commissaria tecnica Milena Bertolini sarà infatti chiamata a giocare a Montpellier il 25 giugno contro la migliore terza tra la Nigeria (3 punti nel gruppo A dietro a Francia e Norvegia) e la Cina (4 punti a pari merito con la Spagna, dietro la Germania). Oppure – ma è molto meno probabile – una tra Cile e Thailandia, attualmente entrambe a zero punte nel girone F.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milan, l’intesa con l’Uefa è vicina: “Per evitare più sanzioni rinuncerà all’Europa League”. Al suo posto andrebbe il Torino

prev
Articolo Successivo

Azionariato popolare, primi passi (per legge) anche in Italia: emendamento introduce organo consultivo nei club

next