L’Italia del calcio femminile perde l’ultima sfida del girone di qualificazione ai Mondiali di Francia, ma si qualifica agli ottavi di finale da prima classificata. Le azzurre sono state sconfitte 1-0 dal Brasile per effetto di un rigore trasformato dalla goleadora Marta, la numero 10 verdeoro, che ha trasformato – col mancino, a incrociare, spiazzando la portiera italiana Giuliani – un penalty concesso con parecchia generosità dall’arbitra messicana Lucila Venegas Montes per un contatto spalla a spalla tra Linari e Debinha. L’Italia aveva tenuto molto bene in campo per tutta la partita, collezionando anche le migliori occasioni della gara. Nello stesso girone l’Australia ha battuto la Giamaica per 4-1. Italia, Brasile e Australia così chiudono il girone a 6 punti, ma per la differenza reti le azzurre mantengono il primato nel gironcino.

Ora servirà aspettare le partite dei gruppi D, E e F per capire chi sarà l’avversaria dell’Italia agli ottavi. La Nazionale della commissaria tecnica Milena Bertolini sarà infatti chiamata a giocare a Montpellier il 25 giugno contro la migliore terza tra la Nigeria (3 punti nel gruppo A dietro a Francia e Norvegia) e la Cina (4 punti a pari merito con la Spagna, dietro la Germania). Oppure – ma è molto meno probabile – una tra Cile e Thailandia, attualmente entrambe a zero punte nel girone F.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milan, l’intesa con l’Uefa è vicina: “Per evitare più sanzioni rinuncerà all’Europa League”. Al suo posto andrebbe il Torino

next
Articolo Successivo

Azionariato popolare, primi passi (per legge) anche in Italia: emendamento introduce organo consultivo nei club

next