Dopo l’incontro col segretario di Stato, Mike Pompeo, il vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini, ha fatto visita al Lincoln Memorial accompagnato dall’ambasciatore italiano negli Stati Uniti, Armando Verricchio. A un certo punto, il leader della Lega gli ha rivolto la parola: “Una volta andammo a Wahington lì, come si chiama… alla scalinata di Rocky”. “Ma quella è Filadelfia” è stata la replica di Verricchio. Che poi, con professionalità, ha spiegato al ministro dell’Interno alcune caratteristiche del Philadelphia Museum of Art.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salvini negli Usa: “All’Italia servirebbe una manovra trumpiana. F35? Non ci si può rimangiare gli accordi”

prev
Articolo Successivo

Travaglio intervista Di Battista: “Salvini cerca pretesto per far cadere il governo, M5s mantenga i nervi saldi”

next