“Una situazione di nuova conflittualità e divisioni interne assurde non sulle politiche, sui cui fondamentali siamo d’ accordo, ma sulle cavolate. Ci sono due eventi che hanno determinato questa implosione: il caso Luca Lotti sul cui comportamento io sono stato chiaro e ho reputato inaccettabile perché non aveva alcuna delega per occuparsi del Csm e la segreteria che non ha funzionato ed evidentemente è stato un colpo mancato”. Lo ha detto Carlo Calenda nel corso di una diretta sul proprio profilo Facebook. “Se si nomina un responsabile riforme che era contrario al Referendum è un problema – prosegue – ma anche quelli che sono rimasti fuori perché volevano rimanere fuori e poi si arrabbiano perché sono rimasti fuori c’è qualcosa che non va anche perché succedeva la stessa cosa con le minoranze quando il Segretario era Renzi. Gentiloni chiami a raccolta tutte le componenti e costruisca un Governo ombra con cui stanare questo Governo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, ‘il Piano Nomadi è una rivoluzione’. Ma da 25 anni sentiamo le stesse promesse

next
Articolo Successivo

Csm, Conte: “Maggioranza giudici onesta. Riforma della giustizia sarà meditata bene. Ben venga collaborazione opposizioni”

next