Il bando del presidente degli Stati Uniti Donald Trump nei confronti di Huawei causerà un danno stimato all’azienda di circa 30 miliardi di dollari di fatturato nei prossimi due anni. I conti li ha presentati il fondatore e presidente del gruppo cinese Ren Zhengfei, affermando che la compagnia sarà costretta a “ridurre la produzione, ma la mossa americana non ci fermerà”. In termini di ricavi, si tratta di una perdita del 30% rispetto ai 105 miliardi fatturati del 2018 e di quasi il 25% sulle previsioni annunciate a febbraio di 125 miliardi per il 2019. La leadership mondiale di venditore di smartphone a cui il colosso puntava da tempo, diventa ora irraggiungibile: le vendite all’esterno seguite al bando sono infatti crollate del 40%.

Il bando imposto da Trump per motivi di “sicurezza nazionale” ha spinto diverse aziende americane, Google prima di tutte, a rompere la cooperazione per quanto riguarda software e hardware. Tra le maggiori criticità per i cinesi c’è il fatto che il sistema operativo Android non potrà più essere utilizzato nei nuovi smartphone dell’azienda (anche se i modelli già in commercio non avranno problemi). Il numero uno di Huawei ha ammesso che non si sarebbe mai aspettato una così forte determinazione degli Stati Uniti contro la sua compagnia: “Penso che entrambe le parti soffriranno per la situazione e nessuno alla fine vincerà”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Debito pubblico, Bankitalia: “Ad aprile sale di 14,8 miliardi arrivando a 2.373”

prev
Articolo Successivo

Povertà, Istat: “Colpisce 1,8 milioni di famiglie e 5 milioni di individui”. Incidenza sale tra i bimbi: al Sud 1 su 6

next