Negli scorsi giorni Konami ha annunciato l’arrivo per il 10 settembre di eFootball PES 2020, nuovo capitolo del suo videogioco dedicato al calcio che promette migliorie sia dal punto di vista grafico che del gameplay, oltre al rinnovo della sua partnership con il Barcellona, team che vede scelto come protagonista della copertina del nuovo gioco il suo campione più celebre, Lionel Messi, oltre a vedere una sua gloria del passato – Ronaldinho – protagonista nella copertina dell’edizione “Legends“.

PES2020 vedrà debuttare una versione rinnovata della modalità Campionato Master, in cui ai giocatori verrà offerta un’esperienza più approfondità di gestione del team e del proprio personaggio rispetto al passato, partendo da un nuovo sistema di personalizzazione del proprio avatar supportato da modelli realistici ottenuti mediante scansioni 3D (inclusi 3 celebri allenatori reali come Maradona, Zico e Cruyff), per arrivare ad un sistema di dialoghi interattivi che permette di rispondere alle varie situazioni che si presentano nel corso del campionato secondo il proprio carattere, evolvendo di conseguenza l’andamento della propria avventura da allenatore. In mezzo un rinnovato e più evoluto sistema dei trasferimenti permetterà ai giocatori di interagire con il calciomercato in modo più realistico, grazie ad un database sempre aggiornato con dati dal mondo reale che offrirà una situazione di costi di trasferimenti ed ingaggi più vicino alla realtà.

La nuova modalità Match Day (o Giorno di Gara), vedrà trasposte settimanalmente dai campi di calcio al mondo virtuale gli scontri più classici (come ad esempio i derby) e le conseguenti rivalità, dando la possibilità ai giocatori di schierarsi per una delle due squadre e guadagnare punti per essa semplicemente giocando. I punti verranno assegnati per gol fatti e passaggi completati in partite contro membri dello schieramento opposto, quindi per contribuire alla vittoria del team supportato non servirà vincere quanto giocare più partite possibili. Al termine dell’evento il sistema sceglierà i giocatori che hanno contribuito di più per ciascuna squadra e li metterà di fronte nella Grand Final, che verrà trasmessa in streaming.

Dal punto di vista del gameplay con PES 2020 debutta il dribling di precisione, una tecnica avanzata che Konami ha approntato con il supporto del campione spagnolo Andrés Iniesta che offre la possibilità ai giocatori di sfruttare le tecniche di quest’ultimo per superare gli avversari più ostici, così come un nuovo sistema di gestione dei calci, che regola la precisione dei tiri in base a vari parametri tra cui posizione in campo, pressione degli avversari, postura ed esperienza del calciatore. Completano le migliorie rispetto alle versioni precedenti, un rinnovato e più realistico sistema  di gestione della fisica del pallone, un miglioramento delle meccaniche di stop, una nuova gestione della difesa e l’interazione adattiva, un sistema che vedrà lo stile di gioco dei singoli calciatori influenzare le azioni dei propri compagni.

Per quanto riguarda il comparto grafico, con il nuovo titolo Konami offrirà ai giocatori del suo titolo modelli più realistici dei calciatori – vedendo risultati migliori per quelli ottenuti mediante scansione 3D del calciatore stesso -, un nuovo sistema di illuminazione e miglioramenti sul rendering del manto erboso del campo.

eFootball PES2020, come anticipato sopra, sarà disponibile a partire dal 10 settembre ed è già disponibile per il preorder su PC (tramite Steam), PlayStation 4 ed Xbox One in due versioni: una standard con prezzi a partire da 49,99€ (versione PC, +10€ per console), la seconda Legends invece avrà prezzi a partire da 69,99€ includendo, oltre al gioco base, Ronaldinho (in una versione scansionata quest’anno), e la possibilità di utilizzare in prestito Messi per 10 partite nella modalità MyClub.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Facebook lancia l’app che pagherà gli utenti per la condivisione dei dati

prev
Articolo Successivo

Italia bersagliata da virus informatici e messaggi di pirati che sfruttano i servizi Google

next