Dalla Libia all’Italia su una barca piuttosto piccola. Così 38 migranti sono arrivati a Lampedusa, trainati in porto da un’imbarcazione della Guardia costiera. Secondo Mediterranean Hope, il programma rifugiati e migranti della Federazione delle chiese evangeliche in Italia, si tratta di “20 uomini, 17 donne e una bambina”, provenienti da “Costa d’avorio, Guinea e Tunisia”. Alcuni di loro, aggiunge l’organizzazione in un tweet, “erano disidratati. In particolare, una donna versava in brutte condizioni di salute”. La barca è stata intercettata in acque italiane ed è stata portata a Lampedusa in quanto porto aperto e sicuro.

Da fine maggio, sono sbarcate in Italia circa 300 persone. Di queste, 200 hanno compiuto la traversata dalla Libia fino alle coste siciliane. Altre 100 circa sono arrivate in Calabria a bordo di piccole imbarcazioni. Sabato sera, una barca a vela di 15 metri è stata soccorsa al largo di Crotone da due navi della Guardia di finanza: a bordo, c’erano 53 persone, tra cui 10 minorenni. Due persone, di nazionalità ucraina, sono state identificate come gli scafisti e sono state arrestate. I migranti, in buone condizioni, sono stati portati al centro di prima accoglienza di Isola Capo Rizzuto. Operazione simile è avvenuta lo stesso giorno a Caulonia, in provincia di Reggio Calabria, dove sono stati soccorsi 60 migranti a bordo – anche in quel caso – di una barca a vela. Di nuovo, arrestati due scafisti, anche loro ucraini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, svastiche e scritte naziste su strade e muri del liceo classico Parini

next
Articolo Successivo

Venezia, regata a remi viene interrotta dal passaggio della crociera. Abitanti riprendono: “Nessun rispetto”

next