Il Mugello giallo, uniforme e speranzoso, si scolora definitivamente all’ottavo giro. E’ il momento in cui Valentino Rossi, eterno uomo delle rimonte, cade e saluta. Il dottore, dopo un weekend da ritiro, parte 18° e questa volta non ha le forze per recuperare. Prima passa un altrettanto sbiadito Jorge Lorenzo, si porta 15°, poi sbaglia ed esce di pista. Rientra 22°, si rimette in corsa, ma il secondo errore gli costa la gara: scivolata in percorrenza di curva e Mugello finito.

Per fortuna dei tifosi, a sostituirlo c’è il rosso della Ducati. In una gara in cui gli italiani cadono tipo birilli (il già detto Rossi è in buona compagnia con Bagnaia e Morbidelli) tocca a Dovizioso e Petrucci riaccendere il tifo in gara. E che gara. I due italiani, insieme agli spagnoli Marquez e Rins si rincorrono a colpi di staccata per almeno dieci giri in cui sembra che nessuno abbia il decimo di secondo necessario a strappare la testa. Marquez guida per un po’, poi arriva Petrucci, poi Dovizioso. A ogni cambio in testa dritti in staccata, palpitazioni e sindrome Guido Meda. Al quarto posto Rins arranca, ma resta attaccato più per le legnate tra gli altri tre che per i meriti della sua Suzuki, oggi in modalità cavallo imbizzarrito ogniqualvolta lo spagnolo spalanca il gas in uscita di curva.

A decidere alla fine sono gli episodi. Quando manca un giro alla fine, Marquez, a quel punto terzo, tenta l’attacco in fondo al rettilineo e si riporta primo. Lo spagnolo va leggermente lungo e i tre contendenti si ritrovano affiancati, talmente vicini che si toccano. Dalle sportellate esce avvantaggiato il pilota umbro che prende la prima posizione. Ci rimette Dovizioso che si trova terzo e si lancia per l’ultimo disperato tentativo. A due curve dalla fine ci potrebbe provare per fare doppietta rossa, ma il redivivo Rins prova a infilarlo e lo costringe a una difesa che lo allontana dallo spagnolo della Honda. Risultato: Petrucci si prende la prima meritata vittoria in motoGp, Marquez festeggia per un secondo posto che lo fa allungare di 5 punti in classifica generale. Dovi si lecca le ferite ma non piange: il campione del mondo è a 12 punti ma non è imbattibile. Il campionato è tutt’altro che chiuso.

Almeno per Ducati, Honda e persino Suzuki. La Yamaha invece è un legno di traverso in mezzo alla pista: al di là degli errori di Valentino Rossi (fin qui sempre primo della casa e costante nei risultati con i suoi 40 anni), la casa dei tre diapason sembra un apecar in mezzo alle moto vere: curiosa da vedere, ma inappropriata. Vinales, per una volta in palla dall’inizio alla fine della gara, non va oltre il 7° posto, a un secondo da Nakagami. La sua motoretta va 20 km/h più lenta degli altri in rettilineo. E la colpa, incredibile, non è sua.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

MotoGp Francia, vince Marquez davanti a Dovizioso e Petrucci. Rossi quinto

next
Articolo Successivo

MotoGP Catalogna, Quartararo in pole davanti a Marquez. Rossi 5° tempo, ma parte quarto per penalità a Vinales

next