Le facce da schiaffi esistono e ieri c’è stata la prova regina. A cinque chilometri dall’arrivo della penultima e massacrante tappa dolomitica del Giro d’Italia un tifoso idiota ha provocato la caduta di Miguel Angel Lopez, un fior di ciclista che stava tentando di conquistare la vittoria ed era nel suo sforzo maggiore e anche nella sua migliore condizione fisica. Il tifoso (tali le sue sembianze) ha scelto di sfregiare la prova, per quel che si è visto in tv, sbucando da un lato della carreggiata e facendolo rovinare a terra. Lopez è effettivamente caduto, ma poi si è rialzato. E quando si è rialzato l’ha preso a schiaffi. Ceffoni ben assestati, diretti, decisi. So che non bisognerebbe darli, so che ogni violenza, anche la più minuta, è sempre figlia dell’intollenanza. So che dovrei scrivere il contrario di quel che sto per scrivere. E che cioè quei ceffoni sono stati giusti, opportuni, perfino balsamici. Lopez non poteva difendersi da quell’oltraggio in un altro modo. È stata cioè una resistenza a un atto idiota e vile (sembra che il tifoso sia sloveno, stessa nazionalità di Roglic, un fuoriclasse che lotta per la vittoria finale). Ecco, se possiamo parlare di legittima difesa, quei ceffoni mi sono parsi come la difesa legittima contro un sopruso, una grande e definitiva ingiustizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La teoria Calenda: un partito al giorno toglie il medico di torno

next
Articolo Successivo

L’Istantanea – Le ambulanze che fanno festa, il segno della vergogna del Sud

next