Ha tentato di violentare l’autista di un autobus a Vicenza, ma l’intervento di un pensionato e la pronta denuncia di una bambina di 10 anni, che ha usato il cellulare della nonna, hanno portato all’arresto di Isaiah Ogboe, 31 enne immigrato irregolare di nazionalità nigeriana. Per frenare la fuga del ragazzo, gli agenti hanno utilizzato dello spray urticante, stessa tecnica usata pochi giorni fa, sempre sul giovane, dai colleghi della Polizia Ferroviaria, aggrediti dopo averlo sorpreso su un treno senza biglietto. Adesso, Ogboe dovrà rispondere alle accuse di violenza sessuale aggravatalesioni, resistenza a pubblico ufficiale, rifiuto di fornire le proprie generalità e interruzione di pubblico servizio.

L’autista, che lavora per l’azienda di trasporti Svt, era in sosta al capolinea in attesa di poter iniziare una nuova corsa. L’uomo è salito sul mezzo e l’ha aggredita mettendosi a cavalcioni sopra di lei e iniziando a toccarla e a tentare di sfilarle i pantaloni. Solo grazie alle grida della donna, un pensionato di 72 anni si è avvicinato all’autobus e, accortosi di ciò che stava succedendo, ha affrontato Ogboe costringendolo alla fuga. L’uomo è anche riuscito a fotografare l’aggressore con il proprio smartphone, così da rendere più semplice l’identificazione.

Mentre fuggiva dal luogo del tentato stupro, il 31enne nigeriano ha travolto un’anziana in giro con la nipotina di 10 anni. Ma proprio la bambina, prendendo il cellulare della nonna, è riuscita a chiamare il 113 e a lanciare l’allarme che ha permesso agli agenti di rintracciare e fermare il delinquente. Ogboe, che ha precedenti per reati contro il patrimonio e la persona, era entrato in Italia nel 2016, aveva ottenuto il permesso provvisorio come richiedente asilo, ma la sua istanza era stata rigettata, così come pure il ricorso.

“Grazie al decreto sicurezza questo infame può essere espulso e rimandato a casa sua. Non abbiamo bisogno di stupratori e scippatori”, ha dichiarato il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco (Lega), si è detto “sconcertato di fronte al gravissimo episodio” ed ha auspicato “una condanna esemplare per una persona che ha dimostrato il più totale disprezzo verso le donne, prima ancora che verso la legge”. Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale Veneto, ha chiesto l’espulsione immediata dell’indagato e si è congratulato per il “coraggio dell’anziano e per il senso civico che ha dimostrato assieme alla bambina. Hanno dato una straordinaria lezione a noi tutti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Cannabis light, Vasco Rossi contro la decisione della Cassazione: “Vietarla è una vergogna”

next
Articolo Successivo

Viterbo, “violenza sessuale” su due bambine di 11 e 13 anni: arrestato un pakistano. Viminale: “Sarà espulso”

next