Gaffe dell’europarlamentare del Pd, Alessandra Moretti, durante una polemica con Antonio Maria Rinaldi, eurodeputato della Lega, a Piazzapulita (La7). Il tema del dibattito è la lettera inviata al governo italiano dalla Commissione Europea circa la mancata riduzione del debito.

Moretti menziona un tweet pubblicato da un account-parodia di Matteo Salvini. Il cinguettio del profilo fake recita così: “3,5 miliardi di euro di multa. Spread a 290. L’Europa crede di farci paura. Non sa che con 9.000.000 di italiani che credono in me, quella multa per noi è semplicemente ridicola. Con solo 400 euro a testa paghiamo tutto e li lasciamo pure la mancia per il caffè. Bacioni“.

L’europarlamentare dem si rivolge a Rinaldi: “Che significa quanto scritto da Salvini? E’ un prelievo forzoso sui conti correnti?
L’europarlamentare leghista, in visibile difficoltà, rinfaccia le falle dei governi precedenti, ma, incalzato da Moretti, tenta di rispondere sul tweet farlocco: “Ma voi c’avete delle fantasie. Non c’è scritto “prelievo forzoso”. Ha detto ‘basterebbero 400 euro”, ma non ha detto che lo fa. E’ italiano, eh”.
“Lo ha scritto Salvini su twitter”, ribadisce Moretti.
In soccorso di Rinaldi, interviene il vicedirettore del La Verità, Francesco Borgonovo: “Quella di Salvini era evidentemente una battuta“.
“Ma non c’è niente da ridere – ribatte Moretti – Non si fanno battute sulla pelle degli italiani“.

Minuti dopo, sarà il conduttore Corrado Formigli, grazie alla segnalazione di diversi internauti, a comunicare ad Alessandra Moretti la notizia: “Cara Moretti, i politici le sparano talmente grosse e c’è così tanta confusione su twitter che ogni tanto si inciampa nei fake che possono sembrar veri. Quello che lei ha citato è fake e ci è cascata anche lei”.
“Ma no, questo è Matteo Salvini”, insiste l’europarlamentare del Pd, che poi si convince dell’errore e sorride.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Otto e Mezzo (La7), al posto di Lilli Gruber c’è Giovanni Floris: “Tranquilli non ho sbagliato studio…”

prev
Articolo Successivo

Pd, Calenda vs Aprile: ‘Alleanze? Col M5s una iattura. Puntiamo ai delusi di Forza Italia’. Ma voi sareste di sinistra?’

next