Riuscire a raccogliere intorno a un tavolo persone tra di loro profondamente diverse ha un valore enorme. Quando partecipo a riunioni dove c’è l’80% di uomini, vestiti tutti dello stesso colore, con le stesse scarpe, lo stesso orologio e che poi fuori hanno anche la stessa macchina, rabbrividisco. Queste cose dovrebbero appartenere a un passato lontano e invece siamo qui tutti a parlare di gender gap perché non si riesce a fare un salto in avanti.

L’intelligenza artificiale non è “neutra”

Pensavo che, con l’avvento dell’intelligenza artificiale le cose sarebbero cambiate e le differenze di genere, di razza e religione non sarebbero più contate e invece mi sbagliavo di grosso. L’intelligenza artificiale non si crea da sola ma dietro ci sono squadre di uomini che la preparano e ci lavorano. Secondo uno studio di Ai Now Institute di New York University, circa l’80% di chi lavora in questo campo è bianca e di sesso maschile. Questa percentuale arriva al 90% nel caso di Google e in Facebook va solo un po’ meglio, con le donne che lavorano nell’Ai che si aggirano intorno al 15%. Questo, tradotto in parole povere, significa che queste persone possono condizionare, con i loro schemi mentali, ciò che “programmano” nell’Ai.

Sarà un caso che i sistemi di riconoscimento facciale identifichino molto bene gli individui con la pelle bianca e invece fanno spesso errori quando si tratta di persone di colore? E che dire delle voci degli assistenti vocali? Troppo spesso si tratta di voci femminili che danno risposte spesso remissive e civettuole, che rafforzano l’idea che le donne abbiano un ruolo subordinato.

Per questo scende in campo anche l’Unesco, Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura, che ha realizzato lo studio I’d blush if I could: closing gender divides in digital skills through education. In questa ricerca vengono chiamati in causa anche giganti come Apple, Google e Amazon ricordando loro che è necessario un importante cambio di rotta, non solo cambiando le voci, ma proprio assumendo più donne per garantire e favorire la diversità, che può portare maggiore efficacia in qualunque progetto, di qualunque settore.

Nasce “Q”: voce artificiale neutra per combattere la discriminazione

Del resto, perché quando si pensa a un assistente si pensa a una donna? Vi ricordate “Q”? Nei film di 007 era il responsabile del Settore Q, appunto, e aveva il compito di fornire le armi, i gadget tecnologici e le auto accessoriate agli agenti doppio “0”, quelli che avevano la licenza di uccidere. Magari hanno pensato a lui, quando si è trattato di “battezzare” la voce neutra, che non ha timbro né maschile né femminile.

Si tratta del risultato della collaborazione tra Unesco e il network creativo anglo-americano Virtue Worldwide e la ricercatrice danese Anna Jorgensen che, unendo le forze, hanno creato una voce artificiale che va oltre ogni tipo di stereotipo. Sono state fuse le voci di 22 transgender come base e poi è stato manipolato il risultato elettronicamente per comprimere la tonalità in una banda di frequenze che oscilla attorno ai 153Hz “neutrali”.

Vi consiglio di andare sul sito ufficiale di Q: dove ascolterete le sue prime parole. Un messaggio gentile ma deciso, forte ma non violento che si conclude con una richiesta di aiuto: condividere la sua voce con Microsoft, Apple, Google e Amazon affinché inseriscano anche una voce neutra tra le varie opzioni che offrono nelle loro impostazioni. Io allargherei la richiesta e coinvolgerei anche tutte le case automotive: per coinvolgere anche le nostre vetture. Concludo con un estratto della sua presentazione: I’m created for a future where we’re no longer defined by gender but rather how we define ourselves.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Un guanto a basso costo imbottito di sensori aiuterà a progettare protesi migliori

next
Articolo Successivo

Google Maps segnala autovelox e limiti di velocità anche in Italia

next