E’ vero che il crollo del Ponte Morandi a Genova con i suoi 43 morti ha ferito Luciano Benetton e ha ucciso suo fratello (Gilberto, morto a Treviso il 22 ottobre 2018, ndr), come domanda Francesco Merlo in un’intervista su La Repubblica? E’ vero che l’aumento degli ultimi mesi e settimane dello spread sta facendo aumentare i mutui sulla casa dei cittadini italiani? E’ vero, infine, che l’Unione europea ha aperto una procedura d’infrazione contro la discriminazione dei rom da parte di Salvini e della maggioranza giallo-verde?

Questa settimana Marco Travaglio smonta tre fake news per il 35esimo appuntamento della seconda stagione di Balle Spaziali, un programma realizzato in esclusiva per la piattaforma tv Loft (www.iloft.it e app Loft). Su piattaforma e app di Loft sono disponibili, sempre in abbonamento, anche le altre puntate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi (Nove), Travaglio: “Il M5S ha vinto la campagna elettorale mentre la Lega ha sbagliato tutto”

next
Articolo Successivo

Salvimaio, in esclusiva su Loft lo spettacolo teatrale di Andrea Scanzi: “Un racconto ironico del governo Frankestein”

next