Il Giappone lancia una richiesta a tutti i media internazionali: correggere al più presto l’erronea trasposizione in alfabeto latino del nome del premier nipponico, tutt’oggi conosciuto ai più come Shinzo Abe. L’annuncio, diramato martedì in conferenza stampa dal ministro degli Esteri Taro Kono, fa esplicitamente riferimento alla volontà che il primo ministro nipponico riceva lo stesso trattamento di altri leader asiatici. Letteralmente: “Si scrive Abe Shinzo, proprio come il presidente cinese Xi Jinping e il presidente sudcoreano Moon Jae-in“.

Del resto, proprio come in cinese e in coreano, la corretta pronuncia dei nomi giapponesi prevede che il cognome preceda il nome proprio. Ma a partire dall’era Meiji – quando la struttura politica, sociale ed economica del Sol Levante fu modificata sulla base del modello occidentale – e per oltre un secolo e mezzo, i nomi giapponesi sono stati scritti in inglese al contrario nel tentativo di internazionalizzare il paese, con unica eccezione delle figure storiche. Tanto che, secondo l’autorevole Chicago Manual of Style, “se [un nome giapponese] è occidentalizzato, come spesso accade per gli autori che scrivono in inglese, il cognome viene per ultimo”.

Come fa notare la Cnn, nella sezione Talk di Wikipedia alla voce “Shinzo Abe”, da alcuni giorni il dibattito infuria sulla ragionevolezza della richiesta di Tokyo. “Se cambiamo il nome di Abe-san [“san” è il titolo di rispetto usato nel paese asiatico fra persone di tutte le età] allora dovremmo cambiare tutti gli altri articoli sui giapponesi. Questo è possibile, ma bisogna discuterne altrove e non solo rispetto a una singola pagina biografica,” osserva un utente.

La tenzone non è nuova. Nel 2000 era stato il National Language Council – supervisionato dal ministero dell’Educazione – a proporre di ribaltare l’ordine di nome e cognome, sebbene con scarso successo. Allora, mentre furono apportate le dovute correzioni ai libri di testo per le classi di lingua inglese delle scuole medie, la stampa ha continuato a privilegiare la versione “occidentale”. Ora con l’abdicazione dell’imperatore Akihito e l’inizio della nuova era Reiwa, il governo nipponico vuole risolvere la questione una volta per tutte. Kono ha aggiunto che “a breve manderà una richiesta formale ai media internazionali, confidando che i giornalisti giapponesi che scrivono in lingua inglese possano essere d’esempio”.

Secondo il ministro la questione è resa più pressante dall’imminente visita di stato di Donald Trump (con tanto di incontro con il nuovo erede al trono del Crisantemo), a cui farà seguito il vertice del G20 il prossimo mese a Osaka. Le Olimpiadi estive del prossimo anno, ospitate da Tokyo, costituiranno un altro importante banco di prova. Il governo auspica che gli atleti giapponesi ricevano lo stesso trattamento dei colleghi di Cina, Taiwan, Hong Kong e Coree.

La richiesta del ministro degli Esteri giunge in un momento in cui la consolidata rinascita nazionalista dell’amministrazione Abe deve fare i conti con il calo demografico e la necessità di attirare forza lavoro da oltreconfine. Come spiega al South China Morning Post Stephen Matthews, professore di linguistica presso l’Università di Hong Kong, “la decisione con cui nel 19esimo secolo il Giappone invertì [il cognome con il nome] rappresentò una concessione all’Europa occidentale”. Oggi che l’Asia è balzata al centro delle dinamiche economiche e geopolitiche mondiali, la stessa identità asiatica rappresenta ormai un elemento di orgoglio. Mentre ognuno dice la sua, al momento manca ancora di sentire l’opinione più autorevole: quella di Abe.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Missouri, tornado colpisce la capitale. Le autorità: “Fenomeno vasto e distruttivo, almeno tre morti”. Le immagini

prev
Articolo Successivo

Venezuela, “finanziamenti fermi per sanzioni Usa”. Stop progetto: 25 bimbi in attesa non potranno curarsi in Italia

next