Non era la prima volta che il senzatetto trovava ricovero e protezione nel sottoscala del reparto di Otorinolaringoiatria del Policlinico Umberto I di Roma. Ma lo scorso 2 aprile, l’uomo è rimasto vittima di un’aggressione da parte di un 40enne romano, di professione guardia giurata, in servizio presso il nosocomio. Gli agenti del commissariato ”Università” hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del 40enne.

La sera dell’aggressione, il vigilante, infastidito dall’ennesima presenza dell’uomo, si è diretto nel sottoscala, ha afferrato un estintore e ha colpito il clochard mentre dormiva, provocandogli una frattura pluriframmentaria del cranio che ha causato il suo ricovero in prognosi riservata. I fatti sono accaduti intorno a mezzanotte. Dalla ricostruzione degli investigatori e anche grazie all’aiuto delle telecamere è emerso da subito il coinvolgimento del vigilante che non era nuovo ad azioni di questo tipo: come denunciato dalla vittima, Alfonso Russo, tre mesi prima era stata colpita, sempre dallo stesso, con un manganello telescopico in ferro. Il 40enne è stato condotto in carcere e dovrà rispondere di tentato omicidio, le armi da lui regolarmente possedute sono state oggetto di sequestro cautelativo. Russo si trova ancora in prognosi riservata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Imen Chatbouri, fermato un sospettato per l’omicidio dell’ex atleta tunisina. Ripreso da telecamere videosorveglianza

prev
Articolo Successivo

Monterotondo, muore in ospedale per una ferita alla testa. “Colpito durante una lite in famiglia”: interrogata la figlia

next