Niente fumo in spiaggia. Quest’estate, a partire dal 1 giugno, a Lampedusa e Linosa scatta il divieto di fumare su tutte le spiagge del Comune. L’ordinanza, firmata oggi dal sindaco Totò Martello, consente di fumare soltanto in apposite aree dotate di posacenere e vieta anche di gettare rifiuti prodotti dal fumo sul suolo e nelle acque. Insomma, niente cicche. “Siamo impegnati nella diffusione di buone pratiche a tutela dell’ambiente e della salute pubblica”, ha detto Martello.

La scorsa estate, un altro provvedimento “plastic free” aveva vietato sul territorio di Lampedusa e Linosa la vendita e l’utilizzo di stoviglie e sacchetti in plastica monouso non biodegradabile. Quella di quest’anno è la seconda ordinanza “verde” dell’amministrazione comunale. Tutte iniziative, spiega il sindaco, che vogliono promuovere la vocazione turistica di Lampedusa e Linosa e le loro bellezze naturali e paesaggistiche: “La decisione di vietare il fumo in spiaggia è legata a due aspetti: il diritto di ogni cittadino a godere del benessere offerto dal vivere e soggiornare in un habitat dotato di decoro igienico ed estetico e la necessità di tutelare l’ambiente evitando la dispersione in spiaggia e in mare di ceneri e mozziconi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Successivo

Clima, la siccità mette alla prova noi e l’ambiente. Dobbiamo fare di più e meglio

next