Nell’episodio precedente Reza Pakravan e Pip Stewart sono arrivati a Puerto Esperanza dove la costruzione di una nuova strada distruggerebbe ettari di foresta vergine costringendo le tribù indigene che vivono nell’isolamento per scelta a “civilizzarsi” forzosamente con la conseguente perdita di tradizioni millenarie. Giunti a Nuevo Eden, percorrono le terre degli Asheninka, ultimo avamposto prima della riserva delle tribù isolate. Le loro scelte alimentari sono molto limitate: per l’apporto proteico si nutrono di scimmie e tartarughe, bevono il “masato” fatto con la manioca schiacciata che le donne masticano e sputano in barili avviando il processo di fermentazione. Reza e Pip non lo digeriscono e lo vomitano poco dopo. La riserva delle tribù isolate è protetta da regolari pattuglie e da volontari di altri villaggi. Tornati a Porto Breu prendono un volo per Pucallpa, una città situata sul fiume Ucayali e capitale del commercio del legname in Perù. “L’80% delle esportazioni di legname in Perù è illegale – spiega Reza – ma la modifica di alcuni documenti le rende legali”. E’ il momento di riprendere la bicicletta per attraversare la giungla prima di arrivare alle Ande e poi spingersi verso la meta finale, l’Oceano Pacifico. A Laraos si fermano per il primo contatto con la cultura andina. Le pendenze delle montagne impediscono a qualsiasi macchinario di essere portato lì, quindi la coltivazione avviene tutta a mano con strumenti utilizzati nell’antichità dagli Inca. Lasciata Laraos è il momento di affrontare l’ultimo tratto del viaggio: l’arrivo al Pacifico. “Sono venuto in Amazzonia con una domanda – ragiona Reza – qual è la soluzione? Ora, al termine del viaggio, credo di avere la risposta: sviluppo sostenibile, una visione a lungo termine per salvaguardare un territorio che è patrimonio di tutta l’umanità”.

“Transamazonica” (6 episodi x 25 minuti) è disponibile in esclusiva su sito e app di Loft per gli abbonati.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta 3 fake news: “È vero che sta sparendo la storia dai licei e quindi va salvata?”

next
Articolo Successivo

C’ero una volta… Mani Pulite, Paolo Cirino Pomicino 27 anni dopo Tangentopoli: “Sapevo che la Dc sarebbe sparita”

next