Se l’Olanda, soprattutto nell’immaginario italiano, è il Paese delle biciclette, sembrerà strano sapere che, stando a quanto riportato dalle autorità locali, il livello di inquinamento atmosferico della stessa Amsterdam – in alcune zone come la Stazione Centrale di molto superiore ai limiti imposti dalla legge – sta riducendo l’aspettativa di vita dei cittadini di almeno un anno. Motivo per cui Clean Air, il piano d’azione sostenuto da Femke Halsema, prima donna sindaco della città, e dalla sua giunta, ha ora proposto come misura quella di escludere dalla città tutte le auto a combustione interna (sia diesel che benzina quindi) a partire dal 2030.

Una scelta drastica che a quanto pare riguarderà anche motocicli e imbarcazioni: dal 2025, infatti, anche i famigerati battelli turistici e moto e motorini saranno compresi nel blocco. Un passaggio alla mobilità sostenibile che Amsterdam cercherà di attuare con tutti i passaggi necessari: dal prossimo anno perciò tutte le auto diesel dai 15 anni di anzianità in su saranno escluse dall’anello urbano A10 che circonda la capitale olandese e poi, dal 2022, tutti i trasporti pubblici locali dovranno essere a emissioni zero per poter circolare nel centro città. L’ultimo step sarà quindi vietare il transito a tutti i mezzi diesel e benzina a partire dal 2030.

Al fine di incoraggiare la svolta ecologica dei cittadini di Amsterdam – idea da subito osteggiata dalle lobby dell’industria automobilistica come Rai Association, “Amsterdam diventerà una città per ricchi, decine di migliaia di famiglie saranno escluse perché impossibilitate a comprare un veicolo elettrico”, ha dichiarato un portavoce – la città sta pensando di offrire stazioni di ricarica a chiunque decida di acquistare una EV: questo però richiederebbe tra le 16mila e le 23mila colonnine entro il 2025, mentre ad oggi sono circa 3mila.

Ad Amsterdam, seppur con misure più contenute e circoscritte, si affiancano nella crociata alle polveri sottili altri importanti centri europei come Milano, che ha da poco inaugurato l’Area B e punta a bandire i diesel dall’intera zona abitativa entro il 2030, e Parigi, che dalla prossima estate chiuderà la Grand Paris (area con oltre 5 milioni di abitanti) a tutti i veicoli diesel immatricolati prima del 31 dicembre 2000; e se Roma da novembre di quest’anno vieterà l’accesso all’anello ferroviario ai diesel Euro 3, la tedesca Stoccarda ha in previsione il blocco degli Euro 5 entro la fine del 2019.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carburanti verdi, un modo per abbassare le emissioni e tutelare l’ambiente

next
Articolo Successivo

Fca, il Financial Times: “pagherà a Tesla 1,8 miliardi di euro per i crediti verdi”

next