“Come rappresentante delle istituzioni, mi sento di dire che bisogna andare più a fondo e che le istituzioni hanno bisogno di qualcuno che dica qualcosa in più”. Questo l’appello lanciato da Elisabetta Trenta, ministro della Difesa, durante la registrazione di “Accordi e Disaccordi”, il talk tv condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi in onda su Nove in onda stasera alle 22.45, sull’omicidio di Marco Vannini, il ventenne ucciso, la notte tra il 17 e il 18 maggio 2015 a Ladispoli (Roma), da un colpo d’arma da fuoco sparato da Antonio Ciontoli, padre dell’allora fidanzata. Ospite in studio, Marina Conte, la madre di Marco. “Questa è una vicenda che indigna tutti: Marco è il figlio di tutti, è il fratello di tutti. Non è possibile che succeda una cosa del genere e che non ci sia la giustizia”. Durante la telefonata, il ministro Trenta ha espresso la sua vicinanza alla madre di Marco, la signora Conte, e a tutta la famiglia Vannini, pur non volendo e non potendo entrare nel merito della vicenda processuale. Inoltre il ministro ha fatto esplicito riferimento allo speciale de Le Iene (Italia Uno) sul caso Vannini, andato in onda lo scorso 25 aprile: “C’è stato un carabiniere che dovrebbe sapere più cose: io ho provato a cercarlo, a chiamarlo, ho trovato due numeri di telefono da cui non risponde. Quello che ho capito è che avrebbe dovuto rilasciare un’intervista, che non gli è stata autorizzata dall’autorità giudiziaria”. “Però io credo che chiunque sappia qualcosa in più sulla vicenda, debba sempre parlare. Non è tanto utile che lui parli con me – afferma ancora il ministro -, quanto è utile che lui vada a dire tutto quello che sa all’autorità giudiziaria. Non capisco perché non lo faccia”. “Chiunque ha qualcosa da dire, sarà tutelato dal ministero?” chiede il giornalista Luca Sommi. “Ma certo, assolutamente sì – risponde il ministro -. Noi vogliamo credere nella giustizia, ci mancherebbe – conclude Trenta – che non ci creda un ministro, vogliamo credere nelle istituzioni”.

‘Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 149 0 e Tivùsat Canale 9.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi (Nove), Di Battista: “Mi ha indignato il trattamento riservato a Luigi Di Maio a Otto e mezzo”

next
Articolo Successivo

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta 3 fake news: è vero che i clandestini in Italia sono solo 90mila e non 600mila?

next