Un 38enne è morto dopo essere stato colpito da un treno in transito. E’ successo intorno alle 6 lungo la tratta tra la stazione di Bibbiano e di Corniano, località a Sud-Ovest di Reggio Emilia. La vittima era un senzatetto, marocchino. I carabinieri hanno identificato la vittima dopo l’incidente. Secondo una prima ricostruzione, il 38enne stava dormendo sopra un materasso a ridosso dei binari della ferrovia tra Reggio e Ciano d’Enza. Il treno lo avrebbe colpito alla testa probabilmente con la staffa dell’ammortizzatore anteriore.

La circolazione ferroviaria è rimasta bloccata per oltre due ore. Sui fatti e sull’esatta dinamica dell’incidente sono in corso le indagini da parte dei carabinieri di Bibbiano coordinati dalla procura di Reggio Emilia. Qualche ipotesi sembra tuttavia emergere. Come riporta Il Resto del Carlino, forse il 38enne marocchino non sapeva della recente riapertura della linea ferroviaria dopo i lavori di ripristino di un ponte danneggiato nelle scorse settimane da un incidente. E probabilmente pensava che la linea fosse ancora interrotta, senza transito di convogli ferroviari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stupro Viterbo, sabato studenti in piazza: ‘Contro ogni violenza, non solo di genere’

prev
Articolo Successivo

Berlusconi ricoverato, Pier Silvio: “È un combattente. Questa vicenda è stata un insegnamento, lo dico da figlio”

next