Avevano esposto uno striscione vicino a piazzale Loreto, alla vigilia del 25 aprile, sul quale c’era scritto “Onore a Benito Mussolini”. Identificati e denunciati, 8 ultras della Lazio sono stati nel frattempo raggiunti da altrettanti Daspo disposti dal questore di Milano, Sergio Bracco. Sono tutti appartenenti al gruppo Irriducibili, che ‘controlla’ la curva biancoceleste.

Approfittando della semifinale di ritorno di Coppa Italia contro il Milan in programma a San Siro, gli ultras laziali nelle ore precedenti alla partita si erano spostati in corso Buenos Aires, a due passi di piazzale Loreto, dove venne esposto il corpo del dittatore dopo la Liberazione dall’occupazione nazi-fascista. Un’azione durata pochi minuti: dopo aver srotolato lo striscione, il gruppo aveva fatto il saluto romano al grido “Camerata Mussolini, presente!”, poi aveva raccolto lo striscione e se ne era andato

La Digos era riuscita a identificare 22 persone. Sotto inchiesta ci sono invece 8 persone, probabilmente le stesse raggiunte oggi dal Daspo, nell’ambito dell’indagine disposta dal capo del pool antiterrorismo, Alberto Nobili, d’intesa col procuratore Francesco Greco, che ipotizza il reato di manifestazione fascista. Ad aiutare le indagini ci sono anche gli appunti di alcuni passanti che hanno annotato i numeri di targa delle auto degli ultrà. Tra di loro, si sospetta vi siano anche alcuni tifosi dell’Inter che con la Lazio condividono un gemellaggio che va avanti dagli Anni Ottanta. Un tifoso nerazzurro – che era stato denunciato perché trovato in possesso di un manganello di 40 centimetri in zona corso Como – è stato anche lui colpito da Daspo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lasciano rifiuti in strada, sindaca pubblica i video: “Inciviltà costa più di tutti gli stipendi dei parlamentari”

prev
Articolo Successivo

Stupro Viterbo, sabato studenti in piazza: ‘Contro ogni violenza, non solo di genere’

next