È amante dello sport, appassionata della maratona e delle moto. E ora ha deciso di lasciare la divisa dell’Arma dei carabinieri per indossare la tunica verde delle Missionarie della Divina rivelazione. È la storia di Ilenia Siciliani, 26 anni, che ha maturato la vocazione di farsi suora dopo un viaggio a Medjugorie. Adesso si prospetta un nuovo cammino fatto di fede per la giovane originaria di Roccasecca, in provincia di Frosinone, che fino al 30 aprile ha prestato servizio a Caltanissetta. Un percorso che, nell’arco di due o tre anni, la porterà a prendere i voti e alla definitiva consacrazione religiosa. “È una sua scelta che rispettiamo. L’ha meditata e ce l’ha comunicata qualche mese fa – ha detto sua mamma. È ancora a Caltanissetta, poi verrà qualche giorno a casa prima di trasferirsi a Roma“.

Ilenia è una ragazza solare, ma anche timida e riservata, che non vuole parlare di questa sua scelta di vita con i giornalisti come sottolinea Padre Enzo Genova, suo consigliere spirituale. Alcune foto la ritraggono in alta uniforme durante la processione di Pasqua a Caltanissetta, dove era stata destinata due anni fa e dove si era subito fatta apprezzare. La “svolta” risale all’agosto scorso, quando Ilenia si reca a Medjugorie, in Bosnia Erzegovina, dove incontra alcune missionarie della Divina Rivelazione, l’ordine fondata da Madre Prisca, nata in Sicilia ma vissuta fino a 18 anni in Africa, a Bengasi, e rientrata nel 1941 come profuga in Italia, dove è morta ventuno anni fa dopo avere svolto un’intensa opera di apostolato. L’incontro con le suore dall’abito verde e la vocazione che già stava maturando in lei la spingono così a lasciare l’Arma per intraprendere il nuovo cammino spirituale.

Ieri a Caltanissetta il “carabiniere scelto” Siciliani ha salutato i suoi commilitoni e i tanti amici conosciuti in questi anni. Prima la Santa Messa, alla presenza del cappellano militare Don Salvatore Falzone, poi una festa nei locali della parrocchia Regina Pacis. “È stata una celebrazione di ringraziamento – racconta padre Enzo Genova – cui ha preso parte anche la madre superiora del convento dove lei andrà a Roma. Ilenia è una ragazza ‘tosta’. Basti pensare che da sola, in sella alla sua moto, ha fatto un giro della Sicilia per visitare le chiese più belle. Io l’ho conosciuta 4 mesi fa, quando si è subito inserita nel gruppo dei giovani in parrocchia”.

Il sacerdote manifesta tutta la sua stima e il suo affetto per il carabiniere che diventerà suora: “Penso che a 26 anni si tratti di una scelta forte. Ilenia è una ragazza che aveva raggiunto tutto quello che poteva desiderare: un posto sicuro, lo stipendio fisso, indossare la divisa che ama. Ma il Signore ha voluto chiamarla e io spero che lei possa realizzare pienamente quello che è il progetto di Dio. In fondo continuerà a servire il prossimo, come ho fatto finora, sia pure con un’altra ‘divisa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

App di incontri, ce n’è per tutti i gusti (pure per chi odia di più). Ma io preferisco il metodo vintage

prev
Articolo Successivo

Gli stupratori non vengono dal nulla. Chi nega che c’entri la famiglia sta mentendo

next