Il Raiju Mobile è la declinazione per smartphone Android del joypad PS4 di Razer, che offre un supporto regolabile per lo smartphone e la possibilità di utilizzarlo con i propri dispositivi sia in modalità cablata che bluetooth.

La configurazione dei tasti ed il design ricorda un po quello del controller Xbox One (layout utilizzato da Razer anche nei Raiju per PlayStation 4), con due levette analogiche in posizione asimmetrica (una a sinistra in alto verso l’esterno, la seconda a destra in basso verso il centro), una croce direzionale posizionata specularmente alla seconda levetta, 4 tasti d’azione in alto a destra, triplo pulsante sul bordo superiore (compreso due grilletti “bloccabili” per accorciarne la corsa) e due tasti sul retro. I tasti di “start” e “select”, così come quelli per interagire con lo smartphone sono invece lungo il bordo basso al centro, visto che la parte superiore è occupato dal supporto.

Dal punto di vista ergonomico il Raiju Mobile è semplice da impugnare, la parte posteriore delle due impugnature laterali ricoperta in gomma aiuta a mantenerlo ben saldo in mano, anche con smartphone più pesanti, ed è possibile utilizzarlo in varie posizioni grazie alla possibilità di ruotare il supporto dello smartphone di 60° (anche se vi sconsiglieremmo di utilizzarlo sdraiati a letto in quanto risulterebbe sbilanciato dal peso del telefono rischiando di atterrarvi in faccia).

Il supporto vede la presenza di un “gancio” estensibile che gli permette di adattarsi alle varie dimensioni di smartphone Android presenti sul mercato, gancio che presenta uno strato di gomma a ricoprire le parti che andranno a contatto con i lati del telefono, evitando così che il dispositivo possa scivolare fuori dall’alloggiamento mentre si sta giocando, ed  una scanalatura pensata per evitare la pressione involontaria dei pulsanti laterali. Va anche detto che il produttore californiano ha pensato un’ulteriore “comodità” per i possessori dei suoi smartphone (i RazerPhone), inserendo una “finestrella” nella parte superiore del supporto che rende accessibile il loro sensore per le impronte, posizionato nella parte centrale del fianco destro dello smartphone.

La connessione allo smartphone come anticipato in apertura può avvenire sia via bluetooth (fino a due dispositivi) o via cavo, modalità selezionabile tramite un interruttore posto sul retro del controller, in entrambi i casi la cosa si rivela molto semplice: per quanto riguarda quella via cavo, nella confezione è presente un cavetto per ogni tipo di connettore in uso sugli attuali smartphone Android (microUSB e USB-C), basta selezionare quello corretto per il proprio dispositivo, inserirlo, e collegare l’altra estremità alla presa USB-C del controller. Via bluetooth la procedura è simile a quanto va fatto con altri dispositivi che utilizzano lo stesso protocollo, basta avviare sul joypad l’accoppiamento (premendo in contemporanea il tasto home e start), e seguire la procedura corretta per il proprio smartphone. La batteria a bordo è in grado di offrire oltre 20h d’utilizzo prima di rendere necessaria una ricarica.

Abbiamo utilizzato il joypad di Razer con vari giochi, notando un generale miglioramento dell’esperienza di gioco, che diventa più simile a quanto si è generalmente abituati a fare con una console casalinga, grazie anche al buon feedback di tasti e levette; su un titolo come Fortnite Mobile, il vantaggio è molto più netto, tanto che il sistema di matchmaking tenderà a mettervi in gioco contro altri avversari che usano controller mobile o che utilizzano la Nintendo Switch per evitare sbilanciamenti eccessivi. Purtroppo però va detto che al momento i titoli con pieno supporto ai controller sul PlayStore di Google sono ancora pochi.

Sono stati rilasciati i driver necessari a rendere il controller compatibile anche con PC, cosa che da la possibilità ad esempio di partire in vacanza (per chi lo fa con un notebook da gaming al seguito) con un unico controller per entrambe le piattaforme, risparmiando spazio nello zaino/borsa.

Nel complesso la nostra esperienza con il Raiju Mobile è stata molto positiva, ma il prezzo (149,99€ sullo store ufficiale di Razer) lo rende un prodotto meno appetibile per la massa, vista la presenza sul mercato di controller mobile molto più economici (e di qualità molto più bassa), e più indirizzato a coloro che sono alla ricerca di prestazioni al top (ad esempio coloro che competono su titoli mobile) e per cui il costo per raggiungerle non rappresenta un problema.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’infrastruttura digitale europea per la ricerca umanistica è diventata una risorsa concreta

next
Articolo Successivo

Clash Royale: il campione italiano si racconta dopo la Top8 raggiunta al mondiale di Berlino

next