Avrebbero dovuto condurre il Frecciarossa 9604 delle 5.17 da Brescia fino a Napoli , ma erano ubriachi e sono stati fermati in tempo su segnalazione del capotreno. I due macchinisti sono stati sottoposti al test dell’etilimetro dagli uomini della Polizia ferroviaria e della Polizia stradale. Uno dei due è risultato positivo, mentre il secondo ha chiesto l’intervento dei medici del 118 e il treno è stato fermato in stazione. I 67 passeggeri sono stati trasferiti in treno alla stazione Milano Centrale per poi proseguire su un altro Frecciarossa per il capoluogo campano. Le indagini sull’accaduto, aggiunge la Polfer di Brescia, sono in corso.

La cancellazione del treno 9604 in partenza da Brescia “è stata disposta da Trenitalia dopo aver accertato la non idoneità dell’equipaggio alla conduzione del treno”, comunica in una nota la stessa Trenitalia, precisando che “verificherà eventuali violazioni da parte dei macchinisti degli obblighi contrattuali e della deontologia professionale” e che “si riserva di adottare tutti i provvedimenti del caso”. Secondo l’azienda, il sistema di controlli predisposto “a garanzia della sicurezza dell’esercizio e dei propri passeggeri, che prevede anche controlli preventivi e a sorpresa sui propri equipaggi, si è rivelato pienamente efficace“.

Per quanto riguarda i 67 passeggeri in partenza da Brescia, nessuno “è stato fatto salire sul treno che è rimasto chiuso e inaccessibile. Tutti i clienti sono stati immediatamente trasferiti con un treno regionale alla stazione di Milano, per poi salire a bordo di un altro treno e raggiungere così la loro destinazione”. Un episodio simile, sempre secondo Trenitalia, non si era mai verificato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, spara ai ladri e ferisce 16enne ora in terapia intensiva: “Sono un tiratore, volevo solo spaventarli non ferirli”

prev
Articolo Successivo

Cattolica, 14enne denuncia una violenza durante una festa in spiaggia. Inchiesta della polizia, sentiti i ragazzini presenti

next