Almeno due migranti sono rimasti uccisi e almeno altri 19 feriti in un attacco di uomini armati a un centro di detenzione a Qasr Ben Ghashir, sobborgo a sud di Tripoli dove sono in corso combattimenti fra le forze tripoline e quelle del generale Khalifa Haftar. Lo scrive il Times of Malta, che cita l’Unhcr, secondo cui il centro ospitava 980 migranti. Non è chiaro perché il centro, in particolare, sia stato preso di mira e da chi, ma i video girati dagli stessi migranti mostrano feriti stesi a terra. Nel filmato uno uomo spiega che “è arrivato l’esercito e ha sparato sulle persone, uccidendone due”. In quell’area proseguono da giorni da giorni gli scontri tra le milizie del generale Haftar  e le forze fedeli al primo ministro Fayez Al-Serraj

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Kim Jong-un in Russia, Putin tenta la mossa del cavallo per beffare Trump

prev
Articolo Successivo

Notre Dame, le ammissioni dell’impresa: “Gli operai fumavano sulle impalcature”. Ma gli inquirenti: “Non è causa del rogo”

next