Nel corso dell’ultima puntata di Otto e Mezzo (La7) il critico d’arte Tomaso Montanari si è confrontato con Alessandra Moretti (Pd) criticando il manifesto di Calenda e le politiche recenti del Pd, che strizzerebbero troppo l’occhio alle politiche della destra: “Voglio capire in cosa Zingaretti si differenzia da Renzi se non per un po’ di garbo”. Secondo Montanari il Pd è ancora troppo lontano dall’essere espressione della sinistra, portando ad esempio le politiche dell’ex ministro Minniti e il plauso del sindaco di Firenze Dario Nardella alla scelta della prefetta Lega di istituire delle zone rosse nel capoluogo toscano da cui espellere indesiderati. La replica della candidata dem non si è fatta attendere: “Sei sempre così estremista nelle tue posizioni. Non è vero che Minniti e Salvini sono uguali. Salvini non fa il ministro dell’Interno perché è sempre nelle piazze ad agitare le paure della gente”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, Travaglio: “Ue ci lascia soli e Libia ci ricatta sui migranti”. Poi spiega le continue liti tra Di Maio e Salvini

prev
Articolo Successivo

Pd, Cacciari: “Calenda non vuole confronto con M5S? Di sicuro non lo voterò”. “Umbria? Problema non sono i corrotti”

next