Zenbook 14 UX431 è l’ultimo notebook ultrasottile annunciato da Asus, che ha puntato sul rapporto fra qualità e prezzo per attirare gli utenti. I test confermano che si tratta di un buon computer portatile, con uno schermo di qualità e prestazioni tra le migliori nella sua categoria. Il design non è particolarmente raffinato, ma i materiali sono di buon livello. Ha molte porte di comunicazione, che faranno piacere a molti, ma qualcuno potrebbe trovare un po’ troppo rumoroso il touchpad. L’audio, seppure di discreta qualità, ha un volume massimo un po’ basso. Tutto considerato, per 900 euro circa è un elemento di cui tenere conto.

Design

L’Asus Zenbook UX431 è un notebook dalle dimensioni compatte, tipiche di un modello da 13 pollici, anche se offre uno schermo da 14 pollici. Lo chassis è completamente rivestito in alluminio, con la tradizionale finitura di Asus che “disegna” cerchi concentrici sul coperchio. Le linee sono piuttosto nette e i bordi più affilati rispetto a molti concorrenti. Tutto sommato è un prodotto bello da vedere, anche se siamo lontani dal design raffinato visto su altri modelli. La copertura inferiore della base, anch’essa in alluminio, ospita una griglia per il raffreddamento e altre due a copertura degli altoparlanti Harman Kardon.

Alzando il coperchio si notano le cerniere Ergolift, che sollevano la base nella parte alta, in modo da conferire alla tastiera un’inclinazione che migliora l’ergonomia durante la digitazione. Oltre a questo, la posizione inclinata favorisce la circolazione dell’aria.

Lo schermo è circondato da cornici sottili, che hanno permesso d’inserire uno pannello da 14 pollici nello stesso ingombro tradizionale di un 13,3 pollici. È un “trucco” piuttosto diffuso in questa categoria. Appena sotto lo schermo c’è una striscia lucida che fa parte del sistema di dissipazione del calore, insieme alla feritoia laterale da cui esce l’aria calda.

Per la retroilluminazione della tastiera (utile per lavorare anche in penombra) Asus ha scelto una colorazione giallo ocra, in contrapposizione al corpo metallico del notebook che risulta grigio/azzurro (Utopia Blue è il nome scelto da Asus). Sta al gusto personale decidere se l’insieme risulta o meno gradevole.

Sotto alla tastiera è posizionato un touchpad di dimensioni medie, con il lettore per le impronte digitali incastonato nell’angolo in alto a destra. Come quasi sempre accade, il touchpad è decentrato a sinistra per risultare allineato con la barra spaziatrice e quindi più comodo da usare.

Notevole la dotazione di porte, che comprende un lettore per le schede SD, due connettori USB “vecchio stile” e uno nuovo USB-C, la presa jack per le cuffie e l’uscita video HDMI.

Usabilità

Lo schermo da 14 pollici è un modello IPS con risoluzione Full HD. Esistono notebook schermi della stessa dimensione e risoluzione maggiore, ma non sono molti e non sono consigliabili perché rimpiccioliscono eccessivamente le scritte. Quella proposta è più che adeguata. Da notare un buon trattamento antiriflesso, che unito alla luminosità consente di usare lo ZenBook 14 anche con fonti di luce diretta, magari al tavolino di un bar o vicino a una finestra. L’illuminazione è uniforme e i colori sono precisi, nonostante una temperatura colore leggermente fredda, di cui difficilmente ci si accorge a occhio nudo.

L’audio è riprodotto da due altoparlanti rivolti verso l’alto (quindi verso l’utente) e altrettanti sul fondo. Il suono risulta più pieno rispetto a molti altri portatili, e si notano bassi un po’ più presenti. In compenso alti e medi sono “impastati” e il volume, anche al massimo, è adatto per una videochiamata o per vedere un film in un ambiente tranquillo, ma è un po’ basso.

Lo ZenBook 14 UX431 ha una tastiera confortevole, con corsa e risposta buone. Non serve “prenderci la mano” per riuscire a scrivere alla nostra velocità media di 80 parole al minuto. In compenso bisogna fare l’abitudine alla posizione inusuale della lettera “ù” e al tasto “Invio” che ha una forma rettangolare.

Il touchpad non ha impressionato positivamente. È abbastanza grande e preciso, e dal punto di vista del funzionamento non c’è nulla da obiettare. Però è un po’ rumoroso quando si picchietta con le dita, ad esempio, per aprire un file con il doppio clic.

Prestazioni e batteria

Lo Zenbook 14 UX431 in prova è configurato con un processore Intel Core i7-8565U (il migliore disponibile oggi per questa categoria di prodotti), 8 GB di memoria RAM e uno spazio di archiviazione di 256 GB. Ci sono due schede grafiche: quella integrata nel processore, per la produttività ordinaria, e la Nvidia MX150 che si attiva automaticamente quando serve una marcia in più nell’elaborazione grafica. Volendo, esiste anche una versione con 16 GB di RAM ed SSD da 512 GB, a circa 300 euro in più.

Le prestazioni sono di buon livello (ovviamente se comparate con altri prodotti della stessa categoria). Gestisce con zelo anche più applicazioni aperte simultaneamente, permette di modificare immagini e di fare qualche operazione di montaggio video. Buona anche l’autonomia, che è di 6 ore e venti minuti con i test standard. Impostando in maniera oculata le impostazioni di risparmio energetico e la luminosità dello schermo, si riuscirebbe probabilmente a strappare una durata superiore. L’alimentatore da 65 watt è piuttosto leggero e compatto, e ha un cavo lungo oltre due metri, che può tornare utile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Facebook ha caricato i contatti e-mail di 1,5 milioni di persone senza il loro consenso

prev
Articolo Successivo

Google aggiorna il Play Store: limiti di spesa e libera scelta del motore di ricerca e del browser

next