Ha ucciso a colpi di pistola suo figlio, al termine di una lite che potrebbe essere legata alla droga. È successo in un’abitazione di Rivalta Bormida, in provincia di Alessandria. A sparare è stato Luciano Assandri, 68 anni. La vittima è il trentanovenne Diego Assandri. Dopo aver sparato, Luciano ha chiamato una vicina che, a sua volta, ha chiamato i carabinieri. L’uomo ha poi atteso l’arrivo delle forze dell’ordine.

Diego, secondo le prime informazioni, era già conosciuto dalle forze dell’ordine per essere un consumatore di droga. La lite sarebbe scoppiata a seguito di una richiesta di denaro al padre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Papa Francesco incontra Greta Thunberg: “Grazie per aver difeso il clima”. “Vai avanti così”

prev
Articolo Successivo

Via Crucis, meditazioni: “Deserto e mare i cimiteri di oggi. Responsabilità di fratelli che fanno morire altri fratelli”

next