Un’indagine estremamente complessa, resa ancor più difficile dal fuoco che ha incenerito la zona nella quale si è sviluppato l’incendio. Con una (quasi) certezza di investigatori e inquirenti: non è stato un rogo doloso a distruggere la cattedrale di Notre-Dame. “Non esiste alcun dato, al momento, che ci possa far pensare a un atto volontario. La pista privilegiata è quella dell’episodio accidentale”, ha spiegato il procuratore di Parigi, Remy Heitz, in conferenza stampa. Al lavoro ci sono 40 agenti del Crim, la polizia giudiziaria francese, mobilitata con metà del suo organico su questa inchiesta. Nelle scorse ore sono stati ascoltati i primi operai impegnati sul cantiere. Perché è lì che si stanno concentrando le indagini: chi, dove e con cosa ha lavorato nella giornata di lunedì in vista della ristrutturazione della cupola?

Lo scopo degli investigatori del Crim in questa fase è quello di stabilire responsabilità, mancanze o negligenza. Sotto osservazione c’è anche il canale antincendio e la correttezza della sua installazione. Tutti i fornitori verranno rintracciati e ascoltati individualmente, come i manager e gli amministratori della cattedrale. “Quello che sappiamo a questo punto è che c’è stato un primo avvertimento alle 18.20, ma il sopralluogo –  ha spiegato Heiz – ha dato esito negativo. Un secondo allarme è scattato alle 18.43 e in quel caso è stato rintracciato il focolaio”. Nel frattempo la chiesa, all’interno della quale era appena iniziata una funzione religiosa, è stata evacuata.

Sul cantiere – ha proseguito il procuratore di Parigi – sono impegnate cinque aziende. E sono iniziati gli interrogatori dei dipendenti. Lunedì in 15 hanno lavorato nella zona dove è poi scoppiato l’incendio. Fonti citate da Le Parisien, parlano di una primissima ipotesi che riguarderebbero una ‘leggerezza’ durante dei lavori di saldatura. Tutto da accertare. E gli investigatori si sono detti pronti ad affidarsi a qualsiasi aiuto per spiegare l’origine e lo sviluppo del rogo: droni, specialisti nella resistenza dei materiali, il gruppo investigativo dei vigili del fuoco. Date le grandi dimensioni dell’incendio, verranno creati dei pool specialistici. Con una certezza: non sarà facile trovare prove materiali per cercare di spiegare l’origine dell’incendio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Notre-Dame, cosa è rimasto nella cattedrale: la grande croce svetta sulle macerie dell’altare maggiore

next
Articolo Successivo

Notre-Dame e il ‘coraggio estremo’ dei vigili del fuoco: plauso di Macron e dei colleghi italiani. Le 11 ore di lavoro in 11 foto

next