Le cuffie Asus TUF Gaming H5 sono indirizzate agli appassionati di giochi e fanno parte della famiglia “The Ultimate Force” del produttore orientale. Si possono collegare a PC, Mac, PS4, Nintendo Switch, smartphone e Xbox One e al momento costano circa 90 euro. Durante i test abbiamo apprezzato il comfort di buon livello grazie ai padiglioni ben imbottiti e di grandi dimensioni, la leggerezza e il suono surround 7.1 virtuale, almeno su PC. Inoltre il microfono è installato sul cavo ed è staccabile. Per contro, la qualità audio è migliorabile e il prezzo è un po’ salato. Alla stessa cifra esistono alternative anche hanno anche la connettività wireless, come per esempio le Logitech G533, o spendendo poco di più si possono prendere in considerazione del HyperX Revolver S. Se non vi interessano il supporto surround 7.1 virtuale e la connettività USB, sappiate che esiste un modello “Lite” delle TUF Gaming H5 che costa circa 70 euro.

Uno degli aspetti da apprezzare di queste cuffie è che si possono collegare ai dispositivi sia tramite la presa jack da 3,5 mm sia tramite la porta USB 2.0. Inoltre c’è un doppio microfono: uno con asta rimovibile che assicura comunicazioni chiare durante i giochi, uno in linea che è utile ad esempio per le telefonate. Sul cavo è presente anche il controllo per regolare il volume e per accendere a spegnere il microfono. Il cavo è lungo 1,2 metri, avremmo preferito una misura un po’ più abbondante.

Il peso delle cuffie si attesta a circa 320 grammi: abbastanza leggere da risultare confortevoli anche quando indossate a lungo. Avremmo preferito un’imbottitura un po’ più corposa sull’archetto, ma è soggettivo. I padiglioni ovali rivestiti in similpelle imbottita coprono tutto l’orecchio e possono ruotare di 90 gradi, però non isolano totalmente dai rumori esterni, a meno di non alzare il volume al massimo. Quando le abbiamo indossate le orecchie non sono diventate calde, il che è un bene. Nella scatola non ci sono ricambi per il rivestimento dei padiglioni, in compenso troviamo il manuale, la garanzia, la scheda audio per surround 7.1 virtuale (che funziona solo su PC), un cavo da 3,5 mm e il microfono collegabile.

Esteticamente parlando sono tipiche cuffie da gaming, con il logo sui padiglioni e sull’archetto. In questo caso la colorazione lungo il bordo dei padiglioni è gialla per richiamare i colori della serie TUF.

Per quanto riguarda la parte più tecnica, ci troviamo davanti a una cuffia con altoparlanti al neodimio da 50 mm, un materiale spesso impiegato per i sistemi audio perché assicura un suono di buona qualità. Il microfono integrato sul cavo è omnidirezionale. Dai test è emerso che queste cuffie riproducono le frequenze medie in modo pronunciato, tendendo a sovrastare le altre. I bassi sono poco chiari e, soprattutto ai volumi più alti, questo porta a una perdita di profondità, restituendo un suono confuso.

Il software associato Asus ROG Armoury II consente di agire sull’equalizzazione, i bassi, la chiarezza della voce, il riverbero e molti alti parametri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Microsoft Office bersagliato dai virus, il 70 percento degli attacchi punta sulle sue vulnerabilità

prev
Articolo Successivo

Spazio esaurito su Gmail? Ecco come liberarsi delle mail inutili con poche, semplici mosse

next