Un aereo gigante dotato di sei motori e con l’apertura alare più grande mai realizzata, chiamato Stratolaunch, ha compiuto il suo primo volo sul deserto del Mojave, in California, trasformando in realtà un sogno del cofondatore di Microsoft Paul Allen, deceduto pochi mesi fa, nell’ottobre del 2018.

Il capo esecutivo della Stratolaunch Systems Jean Floyd ha detto che l’aeroplano ha compiuto uno “spettacolare” atterraggio raggiungendo appieno l’obiettivo. La Stratolaunch, fondata dallo stesso Allen, punta a competere sul mercato dei velivoli pensati per il lancio di piccoli satelliti. “E’ stato un momento emozionante – ha aggiunto Floyd in una videoconferenza – osservare di persona questo uccello maestoso spiccare il volo, vedere il sogno di Allen prendere vita davanti ai miei occhi”. “Quando l’ho visto – ha proseguito – ho sussurrato un ‘grazie’ a Paul per avermi reso parte di questo importante successo”.

Il colossale Stratolaunch, un jet a doppia fusoliera con 117 metri di apertura alare, è decollato dalla stazione aerospaziale del Mojave alle 7 di ieri (le 16 in Italia) e percorso 112 chilometri sul deserto a nord di Los Angeles in due ore e mezza, ad una velocità massima di 304 chilometri l’ora e a un’altezza massima di 5.181 metri.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’intervista è un disastro, la giornalista incontra l’artista prima di una mostra. In diretta succede l’irreparabile

next
Articolo Successivo

Chilometro lanciato, il “re della velocità” spigola e cade a 170 km/h. Le immagini dell’incidente in diretta tv

next