Dante Cattaneo è il sindaco leghista di Ceriano Laghetto, comune di 6500 abitanti in provincia di Monza e Brianza circondato dal parco delle Groane, un enorme polmone verde di 8 mila ettari che tocca le province di Monza, Milano e Como. Oltre che per la varietà di fauna e flora che ospita al suo interno, il parco è tristemente noto per essere un centro di spaccio tra i più frequentati della Lombardia. Per combattere il fenomeno il sindaco, scortato dalla polizia locale, una volta alla settimana partecipa personalmente al pattugliamento del bosco. Da 15 giorni si avvale anche dell’utilizzo di droni con un duplice scopo: mappare i punti di smercio degli stupefacenti e operare come deterrente al traffico. Per Cattaneo il problema deve essere risolto a tutti i costi: “Voglio fare pulizia, via i trafficanti di morte, il parco deve tornare alle famiglie, ai cicloamatori, ai turisti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Foggia, spara in piazza a Cagnano Varano e uccide un carabiniere. Minacciò di morte una pattuglia dopo perquisizione

prev
Articolo Successivo

Umbria, la pediatra che non si piegò e fu sospesa dagli indagati per rappresaglia: “Una bastonata forte. Così si fa male”

next