Non può fare la bagnina perché “troppo bella”. La storia di Alice Soldi, 26 anni, la racconta Il Resto del Carlino: “Per lavorare nella stagione estiva – ha spiegato la ragazza al quotidiano- sono costretta ad andare a Numana ma con aggravio dei costi per vitto e alloggio. Io vorrei farlo nelle nostre spiagge”. E perché non può farlo? “Come fa una ragazza ad andare a salvare un uomo grosso che affoga in mezzo al mare?”, si è sentita dire. E ancora, “Una ragazza, anche carina, distrarrebbe i bagnanti e li farebbe affogare tutti”: queste le risposte ricevute dagli stabilimenti balneari tra Pesaro e Fano, dove avrebbe voluto lavorare. Alice ha scelto di raccontare tutto perché si è sentita “discriminata”: il mare è la sua passione, è laureata in biologia, e dopo nove anni di nuoto agonistico ha preso il brevetto da bagnina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sesso, la sessuologa Spina: “Gli anziani lo fanno di più dei giovani e con maggiore libertà”

prev
Articolo Successivo

Turisti colombiani vogliono andare ad Atene ma si ritrovano ad Atena Lucana

next