La “rimozione sicura dell’hardware” da fare prima di staccare una chiavetta USB dal computer non serve più. Dalla versione 1809 di Windows 10, quella diffusa agli utenti con il nome di Windows 10 October 2018 Update, non serve più visualizzare le icone nascoste nella barra di Windows, individuare l’icona del pendrive, selezionarla e cliccare sulla voce “espelli flash disk”.

Se ne sono accorti in pochi, ma in una pagina di supporto ufficiale Microsoft spiega un dettaglio utile, che si nasconde dietro a una impostazione del sistema operativo. Al posto della vecchia policy di default chiamata Better performance (Migliori prestazioni), ora è attiva quella Quick removal (Rimozione rapida), che “mantiene sempre il dispositivo pronto per la rimozione”.

A parte il vantaggio pratico, vale la pena capire come e perché si possono cambiare queste impostazioni. L’impostazione Better performance gestisce le operazioni di archiviazione in modo tale da “migliorare le prestazioni del sistema”. Quando è attiva, Windows mette in cache le operazioni di scrittura verso il dispositivo esterno, di modo che non rallentino il sistema. Proprio perché la copia dei file non è immediata, per essere certi che sia terminata prima di staccare il pendrive bisogna usare la conosciuta “Rimozione sicura dell’hardware”.

Con Quick removal le cose cambiano, perché la copia viene fatta immediatamente. Non appena si vedono i nuovi file apparire nella cartella del pendrive si può rimuovere quest’ultimo. Ovviamente influisce sulle prestazioni del sistema. Se ne può accorgere chi usa molte applicazioni intensive in multitasking, difficilmente creerà problemi a chi fa una sola attività per volta.

In ogni caso, se il passaggio aggiuntivo secondo voi era utile potete rimettere tutto come prima. Basta aprire la Gestione disco, posizionarvi nella parte bassa della schermata e cliccare con il tasto destro sull’etichetta del dispositivo, quindi sulla voce Proprietà. Nella scheda “Criteri” selezionate la policy che preferite tra Rimozione rapida e Prestazioni migliori, e buon lavoro a tutti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

PG Nationals Vigorsol Beats, gli organizzatori raccontano com’è nato l’evento al Teatro Ciak

next
Articolo Successivo

Truffa ad Apple da 1 milione di dollari: due studenti si facevano dare iPhone nuovi e originali in cambio dei falsi

next