Davanti a suoi compagni di scuola che mangiavano il normale pasto, lei si è vista arrivare una scatoletta di tonno e un pacchetto di cracker: un provvedimento preso da gestori della mensa e Comune dopo che i suoi genitori non erano stati in grado di pagare regolarmente la retta. L’episodio è accaduto nei giorni scorsi alla scuola elementare ‘Giacomo Zanella’ di Minerbe, paese in provincia di Verona, a un’alunna figlia di una famiglia straniera. Primo a raccontarlo il quotidiano L’Arena, riferendo anche che la piccola, umiliata da quanto accaduto sotto gli occhi dei compagni, è scoppiata a piangere. Dopo aver letto della vicenda, il giocatore dell’Inter Antonio Candreva ha parlato con il sindaco leghista Andrea Girardi per informarlo che vorrebbe pagare la retta delle mensa.

Era stata proprio l’amministrazione comunale a decidere, dopo numerosi solleciti al pagamento verso la famiglia. “Non intendiamo ovviamente discriminare nessuno e i bambini non sono stati lasciati senza pasto, ma siamo arrivati a decine di persone che non pagavano e dovevamo far qualcosa. Non è la prima volta che succede, solo che questa volta il caso è stato montato”, si è difeso il primo cittadino parlando al Corriere della Sera. Per la segreteria provinciale del Partito democratico si tratta di un atto “discriminatorio“, per di più nei confronti di una bambina “anello debole” della vicenda.

Per due volte la bambina si era vista servire pasti uguali a quelli dei compagni, scrive L’Arena. Dopo che il Comune ha più volte sollecitato la famiglia a mettersi in regola con la retta, è arrivato il tonno con i cracker. E, riferisce il quotidiano locale, non sarebbe nemmeno la prima volta: casi del genere sarebbero avvenuti anche alla fine dello scorso anno. “Qualche volta è capitato che le insegnanti rinunciassero al proprio pasto per darlo ai bambini indigenti”, ha confidato una maestra al giornale.

L’amministrazione comunale però non rinnega la sua scelta. Il vicesindaco con delega alle politiche famigliari, Massimo Momi, si è detto “umanamente dispiaciuto per quanto accaduto”, e ha giustificato l’episodio come “un caso limite”, ma, ha aggiunto, “dobbiamo essere corretti anche nei confronti di tutte le famiglie che pagano regolarmente la mensa”. Il Comune ha precisato inoltre che segue 36 bambini con problemi economici, che godono della riduzione del buono mensa dal 40 al 50%, stanziando per questo 9mila euro in bilancio.

Una motivazione che per la segreteria provinciale Pd è invece “indecente”. Per l’opposizione “se il Comune intende colpire eventuali furbetti metta in atto le procedure per rivalersi eventualmente sui genitori e non sui bimbi“, e invita l’amministrazione “sin dalla prossima seduta consigliare a prevedere nuove misure di welfare” e a nuovi accordi con la ditta che fornisce i pasti. Secondo i democratici, inoltre, l’amministrazione ha “non solo la possibilità ma anche il dovere” di andare incontro a situazioni di difficoltà economiche e “il modus operandi della Lega rimane identico: forti con i deboli e deboli con i forti”.

Di fronte alle critiche del Pd è infine intervenuto direttamente il sindaco Girardi, ribadendo al Corsera le stesse motivazioni: “La famiglia in questione è stata più volte sollecitata, i nostri uffici hanno chiesto loro se intendevano presentare una domanda per avere una riduzione o l’esenzione, a seconda di quella che è la loro situazione patrimoniale. A tante richieste, non è arrivata nessuna risposta e abbiamo dovuto prendere provvedimenti per tutelare chi è in regola”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, il Tavolo del decoro taglia del 50% i posti per gli ambulanti e i camion bar

prev
Articolo Successivo

Walter Mapelli, morto il procuratore capo di Bergamo: pm anticorruzione indagò anche sulla Tangentopoli monzese

next