L’orgasmo è una intensa sensazione di piacere, è stato anche considerato un “ansiolitico” efficace e naturale.

Per gli uomini l’autoerotismo è normale, tutti gli adolescenti si “toccano” e non provoca ansie. In un post precedente ho spiegato che l’eiaculazione precoce non è una malattia, e come ragazzi e adulti con la masturbazione possono imparare, con alcuni semplici esercizi, a controllare l’eiaculazione senza farmaci.

Per le donne l’autoerotismo è quasi un tabù e crea molte ansie perché ancora non è accettato come quello maschile, per questo si deve spiegare che è una pratica normale anche nelle donne, a tutte le età (anche dopo la menopausa), e che è importante molto di più che per gli uomini, perché condiziona la mente e il corpo all’eccitazione e all’orgasmo e perché permette di scoprire la clitoride.

Dato che il glande della clitoride è molto sensibile, bisogna provare e imparare con gradualità. Le donne che si masturbano lo fanno toccando principalmente il corpo della clitoride, ignorando spesso il vestibolo della vagina e le piccole labbra: tutta la vulva è sensibile. In un precedente post ho già spiegato l’anatomia della vulva.

Chi prende coscienza di queste cose deve sapere che non basta accarezzarsi per avere subito orgasmi, specialmente se la clitoride non è stata mai stimolata con le dita: ci sono donne che hanno problemi a “toccarsi” e hanno provato il loro primo orgasmo solo grazie ad un sex toy o con l’idromassaggio (il flusso dell’acqua è una stimolazione molto efficace), solo così poi sono riuscite a superare l’inibizione e la vergogna e a godere usando anche le dita.

Per masturbarsi occorre un ambiente tranquillo, con gli occhi chiusi, senza pensare a niente e con la bocca socchiusa (per rilassarsi la respirazione tranquilla è molto importante), dimenticando che è “proibito”. Delle fantasie erotiche potranno facilitare l’eccitazione. Meglio accarezzarsi prima in tutto il corpo e imparare dove e come dà più piacere. È importante poi toccare la vulva quando è lubrificata (con l’eccitazione sessuale sono emesse delle secrezioni anche nel vestibolo della vagina), oppure usare la saliva o un altro lubrificante innocuo adatto allo scopo: non si deve andare sul glande della clitoride senza lubrificarlo perché si può irritare facilmente, specialmente con le unghie.

Ci sono donne che, durante la masturbazione, preferiscono stirare il prepuzio e la pelle intorno alla clitoride, verso l’alto; altre, a letto supine o prone, preferiscono accarezzarsi tenendo le gambe unite, serrate, contraendo, oltre i muscoli perineali, anche i muscoli delle cosce e delle natiche. La donna a letto, distesa, può anche introdurre un dito in vagina (con movimenti circolari, perché il punto G non esiste), mentre con le altre dita potrà stimolare la clitoride, e anche la zona anale: ci sono donne che solo con un dito nell’ano riescono ad avere l’orgasmo mentre è stimolata la clitoride. È chiaro che la tecnica dei movimenti delle dita e la posizione del corpo varierà da donna a donna, basta provare e imparare come piace di più.

Dato che gli uomini sanno veramente poco su come godono le donne: se lei si masturba sa come avere orgasmi, può dire al partner ciò che le piace di più e cosa deve fare per farla orgasmare e se l’uomo lo sa già è meglio, anche se non potrà mai conoscere esattamente le reazioni della partner. Per questo lei deve conoscersi bene e se necessario guidare il partner senza vergognarsi.

Una donna che si masturba in teoria, dovrebbe avere una vita sessuale migliore di chi non lo fa, perché sa di poter godere e con il partner dovrebbe pretendere anche lei di avere sempre l’orgasmo, invece poi quasi sempre si adegua alla “normalità” (avere l’orgasmo solo con i movimenti del pene in vagina) e spesso finge perché l’orgasmo vaginale non esiste. La prima cosa che un sessuologo “prescrive” a una donna con problemi sessuali, è proprio la masturbazione, poi le spiega come stimolare la clitoride con le dita durante il rapporto vaginale.

Per liberare le donne dalle ansie provocate dalla masturbazione ho pubblicato un video/audio con solo commenti di donne in youtube.

I sessuologi devono anche spiegare che la masturbazione non è solo una attività solitaria, ma è prassi anche nella coppia (nelle mie lezioni spiego ai maschi, con schemi e video, le tecniche per stimolare la clitoride): la masturbazione reciproca non è un rapporto “incompleto” o “immaturo”, ma è un atto sessuale normale (a qualsiasi età), che rientra nel concetto di fare l’amore (il termine “preliminare” non si deve più usare).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La storia di Hattie Retroage: “Sesso a 82 anni? Con uomini giovani. Ogni donna onori il proprio corpo: masturbatevi per l’amor di Dio”

next
Articolo Successivo

Nascono i baci via smartphone. Vada per i sex toys, ma baciarsi così proprio no!

next