“Solo due anni fa, il 75% dell’economia globale stava sperimentando una ripresa economica. Per quest’anno, ci attendiamo che il 70% sperimenti un rallentamento nella crescita”. È il quadro designato dalla direttrice generale del Fondo monetario internazionale, Christine Lagarde, nel suo intervento alla Us Chamber of Commerce, la confindustria americana. La congiuntura è negativa, da gennaio l’economia globale ha ulteriormente perso slancio, ma “non prevediamo alcuna recessione nel breve termine”, ha spiegato Lagarde. Anzi, il Fmi si aspetta “una ripresa nella seconda parte del 2019 e nel 2020“.

L’economia globale è in un “momento delicato“, ammette Lagarde. Non una sorpresa, visti gli ultimi dati: secondo l’Eurostat l’economia dell’area euro a marzo ha vissuto il calo più forte degli ultimi sei anni del settore manifatturiero. Guardando all’Italia, l’Ocse prevede una crescita del Pil negativa (-o,2%) nel 2019. Per la direttrice del Fmi questi dati significano che “non solo dobbiamo evitare passi di politica falsi, ma che dobbiamo assicurarci di fare i passi giusti“.

I passi falsi da evitare sono quelli sugli scambi commerciali e sulla riforma della tassazione per le imprese. “Le barriere commerciali chiaramente danneggiano gli investimenti e l’occupazione” mette in evidenza Lagarde, osservando come una riforma della tassazione delle aziende è necessaria. “Le nostre analisi mostrano che i paesi non-Ocse perdono 200 miliardi di dollari l’anno con le aziende che sono in grado di spostare i loro profitti in aeree con aliquote più basse“, spiega la numero uno del Fondo monetario, precisando che questo rende impossibile per i paesi in via di sviluppo finanziare gli investimenti nelle persone e nelle infrastrutture.

“L’integrazione commerciale ha aiutato ad aumentare la prosperità, a ridurre la povertà e aumentare la produttività. Allo stesso tempo sappiamo che non tutti ne hanno beneficiato, e che ci sono distorsioni nel sistema commerciale”, afferma Lagarde, sottolineando che “le barriere commerciali non sono la risposta. L’integrazione commerciale spinge gli investimenti”. “Questo è di particolare rilevanza ora – continua Lagarde – in un momento in cui le tensioni commerciali potrebbero ulteriormente danneggiare gli investimenti, che sono già deboli. Se i dazi su tutti i beni scambiati fra Stati Uniti e Cina salissero di 25 punti percentuali, il pil americano perderebbe lo 0,6% annuale e quello cinese fino all’1,5%“.

Lagarde si concentra anche su un altro male dell’economia, la corruzione. Va combattuta perché “abbassa la crescita, aumenta le diseguaglianze e alimenta la diffidenza” oltre a causare pesanti perdite alle entrate fiscali e ridurre la qualità della spesa pubblica, spiega la direttrice di Fmi. “In un nuovo studio, il Fondo stima che in un gruppo di economie simili, una minore corruzione è associata con maggiori entrate fiscali, con una differenza fino a 4 punti percentuali di Pil fra i vari paesi”, sottolinea Lagarde. “Il costo della corruzione da sola – aggiunge – è di 1.500 miliardi di dollari l’anno, circa il due per cento del pil globale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alitalia, Ferrovie chiede al Mef un altro mese di tempo. Ma manca ancora un socio che ci metta 400 milioni di euro

prev
Articolo Successivo

Mef, la consigliera di Tria Bugno rinuncia all’incarico in Stm: verrà nominata nel consiglio dell’Asi. Ma resta al ministero

next