Sarà capitato a tutti che un’applicazione si bloccasse e, per sbloccarla, venisse riavviato tutto il desktop di Windows. Una bella scocciatura, a cui Microsoft pone rimedio con la build 1903 di Windows 10 in arrivo entro aprile, e nota anche con il nome in codice 19H1. Fra le tante novità che presenta, una ha attirato l’attenzione: potrà gestire le cartelle come singoli processi indipendenti. Il risultato è che se si verificherà un blocco durante un’attività, non si rifletterà su tutto il sistema.

Sembra un dettaglio da poco, in realtà risolve con un comando banale uno dei problemi più fastidiosi del sistema operativo più diffuso sui PC. Per la cronaca, l’impostazione esiste già, si trova nelle “Opzioni esplora file”, all’interno della tab “visualizzazione”: è la voce “Esegui le finestre delle cartelle in un processo separato“. Al momento questa voce non ha il segno di spunta, quindi è disattivata. Con la Build 1903 di Windows 10 sarà abilitata per default.

Crediti: bleepingcomputer.com

 

Così facendo, ciascuna cartella aperta in Esplora file utilizzerà un processo indipendente e, in caso di blocco, non influirà sul resto delle cartelle aperte o sul desktop. La nuova impostazione potrebbe avere un effetto collaterale: come fanno notare i tecnici, la moltiplicazione dei processi attivi rischia di aumentare l’occupazione della memoria e l’utilizzo della CPU. Tuttavia, i requisiti di sistema dei PC con Windows 10 sono aumentati rispetto al passato, e Microsoft potrebbe aver calcolato che i computer sono abbastanza potenti da gestire la novità senza problemi. Per avere una risposta definitiva non resta che attendere l’installazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Perché vedo questi post su Facebook?” La risposta sarà presto nel menu di tutti gli utenti

prev
Articolo Successivo

Apple abbandona definitivamente l’AirPower, niente ricarica wireless per iPhone e Watch

next