In occasione della Game Developers Conference 2019 in corso a San Francisco ha esordito il nuovo Oculus Rift S, evoluzione dell’Oculus Rift, il noto visore per la Realtà Virtuale. Il prodotto sarà in vendita dalla primavera a un prezzo di 449 euro. Rispetto al predecessore offre un’ottica migliorata per avere immagini più nitide, una funzione detta Passtrough+ per avere una percezione del mondo reale senza togliersi il visore, e un display a risoluzione più alta. Sarà compatibile con i titoli VR già presenti sul mercato, oltre ovviamente che con quelli in arrivo.

La progettazione dei nuovi visori è stata portata avanti insieme a Lenovo, con l’obiettivo di realizzare un prodotto più confortevole da indossare, grazie anche a una migliore distribuzione del peso e un isolamento più efficace dalla luce. Il collegamento al PC avviene con un solo cavo, che dovrebbe risultare poco fastidioso. Non manca poi una presa jack per le cuffie, così si potrà indossare il proprio modello preferito.

 

La tecnologia Passthrough+ invece è importante per muoversi nello spazio fisico reale in maniera consapevole mentre si gioca. Sfrutta i principali aggiornamenti del runtime di Oculus (incluso ASW) per produrre un’esperienza di qualità, con una disparità di profondità minima e senza impatto sulle prestazioni.

Oculus Rift S va a sostituire il Rift precedente, e richiede che il PC a cui verrà collegato abbia dei requisiti minimi. La scheda grafica deve essere una Nvidia GTX 1050Ti, una AMD Radeon RX 470 o superiore, il processore dev’essere almeno un Intel i3-6100 oppure un AMD Ryzen 3 1200, la dotazione minima di memoria RAM è di 8 GB e il sistema operativo richiesto è Windows 10.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I notebook per giocare saranno presto più potenti, Intel preannuncia i processori Core di nona generazione

prev
Articolo Successivo

Il Doodle di oggi fa suonare tutti come Bach grazie all’Intelligenza Artificiale

next