Google ha annunciato Stadia, il suo nuovo servizio di streaming che permetterà di giocare a qualsiasi tipo di gioco, anche il più complesso, direttamente su computer, smartphone, televisore o tablet. La presentazione è avvenuta nell’ambito della Game Developers Conference 2019 in corso a San Francisco. Si tratta di un servizio molto atteso, che prima dell’annuncio era conosciuto con il nome in codice “Google Yeti”. Il video di presentazione, che mostriamo qui sotto, aveva alzato le aspettative fino a fare ipotizzare che Stadia potesse essere un degno concorrente di PlayStation e Xbox. Vediamo nelle prossime pagine se Stadia è davvero quello che gli appassionati di giochi avevano immaginato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Qual è il vostro browser preferito sullo smartphone? Presto Android ve lo chiederà

prev
Articolo Successivo

Ricerca sempre più aperta e condivisa in Europa con il progetto OpenaAIRE-Advance

next