Dopo l’arresto del presidente dell’assemblea capitolina Marcello De Vito, esponente di spicco del M5s Roma, sono le opposizioni in Campidoglio a rilanciare la richiesta di dimissioni della sindaca Virginia Raggi. “Liberi il Campidoglio. Lo chiediamo da un anno e mezzo per l’incapacità di governo che il M5s ha mostrato”, ha rivendicato Giulio Pelonzi, capogruppo dem. Una richiesta che sarà ribadita in Aula anche con una possibile mozione di sfiducia: “Se non lascerà, crediamo che siano maturi i tempi anche per una mozione per la sindaca”, hanno rilanciato dal Pd. Mentre Fratelli d’Italia è più ‘tiepido’: “Non saremo noi a rilanciare richieste particolari, ma dov’è l’onestà gridata e promessa?”, ha replicato sarcastico Francesco Figliomeni, vicepresidente dell’Assemblea capitolina.

Dalla Giunta, invece, poca voglia di parlare. Se Raggi ha ribadito “niente sconti”, ma soltanto via Facebook, tra i suoi assessori c’è chi come Daniele Frongia (Sport) preferisce il silenzio. Mentre il titolare del Bilancio, Gianni Lemmetti, taglia corto: “Non va confusa l’azione dell’amministrazione con il comportamento dei singoli. Noi andiamo avanti, non c’è alcun imbarazzo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

De Vito arrestato, deputato Galantino (M5s): “Gogna mediatica, nausea”. Il Movimento: “Vada nel Pd o in Fi”

prev
Articolo Successivo

Lorenzo Orsetti, Zerocalcare: “Cordoglio unanime? Grande ipocrisia. Se fosse tornato sarebbe stato processato”

next