“Noi siamo orgogliosamente dalla parte della Costituzione che è antifascista. Su questo si dimostra ancora una volta che in Basilicata la Lega non può essere il cambiamento. Non solo per una candidata che dice ‘sono orgogliosa di essere fascista‘ ma anche perché una parte degli uomini di Pittella che stavano nel Pd ora stanno nelle liste della Lega e questo significa un ritorno al passato. Domenica i cittadini della Basilicata sceglieranno liberamente da chi vorranno farsi governare ma non si tratta di votare questo o quel partito, si tratta di votare ad un referendum tra la vecchia politica e un’opportunità nuova con Antonio Mattia e con la lista di candidati che abbiamo”.

Lo ha detto Luigi Di Maio rispondendo a una domanda del Tgr Basilicata, prima di un incontro con i cittadini di Melfi, riferendosi anche alla candidata della Lega in provincia di Potenza, Gerarda Russo, che in risposta ad alcuni contestatori che urlavano ‘fascisti fascistì, durante un comizio, ha risposto di esserne “orgogliosa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Decretone, governo mette la fiducia. Pd e Fi abbandonano Commissioni: “Farsa”. In oltre 600mila hanno chiesto il reddito

prev
Articolo Successivo

Mare Jonio, Scanzi su La7: “Casarini? Stimo chi salva vite umane ma questo è ennesimo regalo a propaganda Salvini”

next