Dopo tre giorni dal ricovero nel reparto di Neurorianimazione dell’ospedale San Gerardo di Monza è morta la donna donna di 38 anni di Desio che si era sentita male poco prima di sottoporsi a liposuzione in uno studio privato di Seregno. Il chirurgo che l’ha trattata, Maurizio Cananzi, nelle prossime ore sarà probabilmente iscritto nel registro degli indagati per omicidio colposo. Il suo studio è stato immediatamente sequestrato dai carabinieri e sarà ora esaminato dai militari del Nas di Milano.

Per comprendere cosa sia accaduto, se un improvviso shock anafilattico o un errore umano dovuto a errate dosi o utilizzo di farmaci da parte del chirurgo, sarà necessario attendere l’autopsia. Non solo, saranno necessarie anche perizie tecniche, per ricostruire quali sostanze e in che quantità hanno provocato il collasso della 38enne. A quanto emerso finora, ma le indagini sono solo alle prime battute, il chirurgo ha dichiarato che era solo quando la donna è entrata nella sua sala operatoria, il 5 marzo scorso.

Un metro e sessanta per quaranta chilogrammi di peso, già sottopostasi ad altri interventi chirurgici, la 38enne qualche giorno prima dell’intervento era andata dal dentista, dove forse avrebbe subito un’altra piccola anestesia. Quando si è sentita male, secondo una prima ricostruzione, il chirurgo ha chiamato il 112 chiedendo ausilio ai soccorritori del 118 che, una volta all’interno dello studio in un una palazzina del comune brianzolo, hanno trovato la donna già in arresto cardiaco.

Le terapie neuroprotettive effettuate, ha reso noto il San Gerardo, in particolare l’ipotermia terapeutica, non sono state sufficienti a frenare l’evoluzione del danno cerebrale iniziato al momento dell’arresto cardiocircolatorio. Le sue condizioni sono peggiorate nelle ultime 24 ore con un aumento dell’edema cerebrale e la comparsa di lesioni ischemiche diffuse, secondo i medici conseguenza del prolungato arresto circolatorio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sardegna, accordo tra pastori e aziende: 74 centesimi al litro per il latte ovino e caprino, più conguaglio a novembre

next
Articolo Successivo

Fibrosi cistica, l’Umberto I ha incassato 10 milioni in 22 anni per un reparto mai fatto. E ora il direttore dice: “Non serve”

next