L’8 marzo 2019 è previsto uno sciopero generale. A fermarsi sarà tutto il comparto pubblico e privato, compreso il trasporto pubblico con treni, aerei, metropolitane, bus, tram e persino traghetti e taxi.

I treni e le fasce garantite
Oltre agli aerei, i mezzi pubblici locali, navi e taxi a fermarsi per 24 ore saranno i treni: dalla mezzanotte dell’8 marzo alle ore 21 o fino alle 23.59, in base alla sigla sindacale coinvolta. La sigla Cub Trasporti ha indetto uno sciopero del personale Italo Ntv, Trenord e FSI. Intanto, come sempre nel caso di sciopero, alcuni servizi saranno garantiti. Trenitalia mette a disposizione i treni minimi garantiti in caso di sciopero. Anche Trenord comunica quali sono i treni garantiti in caso di sciopero. La stessa cosa si può controllare su Italo Treno collegandosi al sito.

In ogni caso, vista la portata della protesta che coinvolgerà ogni comparto pubblico e privato, sarà necessario tenersi aggiornati in tempo reale su possibili cancellazioni e ritardi dei convogli. A Milano l’agitazione riguarderà sia i mezzi di superficie sia la metropolitana ed è prevista dalle 8.45 alle 15.00 e dalle 18.00 fino al termine del servizio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reddito, Caf: “Per le domande fatte a marzo pagamento a maggio”. Sindacati: “Preoccupa il conflitto sui navigator”

prev
Articolo Successivo

Germania, aumento dei salari dell’8% in tre anni per 1 milione di dipendenti pubblici: almeno 240 euro in più al mese

next