L’imposizione delle mani, qualche preghiera ed è fatta: il morto resuscita. Il video di un pastore sudafricano, Alph Lukau, che in mezzo a una folla fa “rivivere” una persona deceduta è diventato virale. Il presunto prete è stato denunciato per la messinscena da un gruppo di imprenditori di pompe funebri ed è stato fortemente criticato dalle istituzioni che si occupano di tutelare le minoranze religiose del Paese: “I suoi ‘spettacoli’ servono solo a spillare soldi a persone disperate”. E non è un caso, infatti, che Lukau sia stato fotografato alla guida di diverse auto di lusso. La sua congrega non ha rilasciato dichiarazioni dopo le polemiche scoppiate in Sudafrica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La prontezza di questa mamma lascia senza parole: ecco come salva la figlia da una situazione incredibile

prev
Articolo Successivo

Quando il karma è istantaneo e ti punisce: le auto superano la coda sulla corsia d’emergenza ma per loro va a finire male

next